Statale 394, sicurezza e autovelox

Alcune considerazioni di un lettore dopo gli ultimi incidenti sulla statale

Egregio direttore,
Ho appena letto l’articolo sull’incidente di questa notte pubblicato sul vostro giornale. Posso dire che ho notato in questi giorni che gli utenti di queste strade sono degli incivili e criminali, perchè con la strada ghiacciata sorpassano a tutta velocità. E’ successo in Valganna per il falò di Sant’Antonio, dove le strade erano ghiacciate e ieri sempre in Valganna dove un’auto si è cappottata vicino al Laghetto. Nel tratto successivo all’incidente sono stato sorpassato a forte velocità da un’Audi e una Golf e questo dopo aver visto cosa poteva succedere. Insomma non bisogna dar colpa solo alle strada: come da sempre IN INVERNO QUANDO LE STRADE SONO VISCHIDE BISOGNA ANDARE ADAGIO. Però oltre a questo se quello che ho letto è vero ed ufficiale e cioè che i km PIù pericolosi sono quei tre che vanno da Mesenzana a Cittiglio la cosa è VERGOGNOSA perchè in quella strada è spesso montato un AUTOVELOX IL CUI UNICO SCOPO E’ FAR CASSA AI COMUNI CHE SPENDONO IL RICAVATO PER I PROPRI SCOPI ANZICHE’ SULLA SICUREZZA!

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 31 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.