Arriva l’uragano Gustav, New Orleans trema e si svuota

Fuga in massa dalla città: le previsioni sono pessime e con il triste ricordo della catastrofe di tre anni fa causata dall'uragano Katrina la paura fa novanta

Tempi duri per quella che fu la perla del Sud degli Stati Uniti e la capitale del grande jazz. L’uragano Gustav si avvicina inesorabile a New Orleans, dopo aver spazzato Cuba causando decine di morti, e centinaia di migliaia di persone sono in fuga con ogni mezzo dalla città, non ancora ripresasi dall’immane catastrofe dell’uragano Katrina (fine agosto 2005, giusto tre anni fa). Lo stesso sindaco Ray Nagin ha caldamento pregato tutti di lasciare la città: "È la madre di tutte le tempeste. Non tentate di cavalcare l’uragano". Siamo insomma al "si salvi chi può", giudicato da qualcuno un po’ esagerato. Già da vari giorni però le previsioni del tempo, sempre aggiornatissime e molto seguite negli States, davano la città sul delta del Mississippi come in pericolo, in pieno sulla rotta presumibile della tempesta, che al momento ha ridotto la sua intensità (massima, livello 5, al primo passaggio su Cuba) ma potrebbe "risvegliarsi" al contatto con le caldissime acque del Golfo del Messico, "carburante" ideale per la sua veemenza. In città domenica mattina brillava ancora il sole, ma si è pronti al peggio. Lunghe file di auto si sono dirette a nord sulle autostrade della Louisiana, verso luoghi più elevati e protetti, al riparo da temibili alluvioni e dove la tempesta possa smorzare la sua forza.

Il National Hurricane Center, ferratissimo centro di analisi meteorologica che "scheda" e segue l’evoluzione delle tempeste tropicali, prevede che l’uragano resterà probabilmente di livello 4 (a un passo dal massimo) fino all’impatto con la terraferma nordamericana, lunedì sera.

Webcam

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore