Atleti varesini pronti per le olimpiadi di Pechino

No, non avete letto male: partono infatti tra pochi giorni per la Cina gli atleti del canottaggio adaptive, destinazione Paralimpiadi di Pechino. La maggior parte di loro gareggia per il Gavirate: un motivo in più per fare il tifo, in queste olimpiadi speciali che cominceranno tra poco

Varesini,siete pronti a tifare i vostri beniamini impegnati nelle Olimpiadi di Pechino 2008?

Galleria fotografica

Gli atletici olimpici del canottaggio adaptive 4 di 14
Non quelle appena concluse: quelle sappiamo già come sono andate a finire per gli atleti italiani e della nostra povincia. Gli sportivi di cui parliamo parteciperanno alle paralimpiadi, che seguiranno quelle per i cosidetti normodotati: da Varese,o meglio da Gavirate, sta infatti partendo alla volta della Cina la nazionale di canottaggio di adaptive rowing.

Una squadra formata per la stragrande maggioranza da atleti – che i più definiscono disabili, ma forse sarebbe meglio dire super, visto la fatica in più che sobbarcano – della ASD Gavirate,  con alcuni rappresentanti di altre società sportive di Roma, Milano e Treviso, e che ha grandi chance di vittoria. E a presentarli al chiostro di Voltorre c’era anche il presidente della Federazione Italiana Canottaggio Renato Nicetto – appena tornato dalle olimpiadi di Pechino –  oltre alle autorità locali come i sindaci di Gavirate e di Gemonio o l’assessore provinciale Giuseppe Martignoni.
Pronti per "gareggiare con il coltello tra le labbra", come li ha incitati il presidente Nicetto, e assistiti da uno staff tecnico d’eccezione: la responsabile Paola Grizzetti, sesta alle olimpiadi di Los Angeles, Renzo Sambo oro in Messico nel due con, Giovanni Calabrese bronzo a Sidney, e il medico Piero Poli,oro a Seoul nel quattro di coppia.

Gli atleti partiranno il primo settembre prossimo, dopo aver fatto un mese e mezzo di duro allenamento nel centro federale di Gavirate, in attesa dell’inizio delle gare previsto per il 7.
E partono tra la gioia e la commozione di tutti quelli che hanno lavorato insieme a loro per arrivare fino a qui: a piu d’uno infatti si è rotta la voce per la commozione durante la presentazione, come al sindaco di Gavirate Felice Paronelli,che è stato anch’egli sportivo al preparatore, al prparatore Renzo Sambo, al giornalista e cantore degli atleti paralimpici Roberto Bof.

"E’ una bellissima squadra e noi siamo abituati ad affrontare le cose una alla volta – ha spiegato Paola Grizzetti – sono certa che sapremo cavarcela bene a Pechino,a voi chiedo solo di sostenerci. E se la televisione,al contrario di quello che ha fatto con le altre Olimpiadi, non ci trasmette cercateci in Internet. Da qualche parte ci troverete". Per la cronaca, le batterie di qualificazione saranno al 9 settembre, gli eventuali recuperi al 10 e le finali all’11.

Con loro andrà una mascotte piuttosto originale:"alle gare di qualificazione di Monaco l’anno scorso c’eravamo portati un bradipo di peluche – spiega Paola Grizzetti – ci ha portato fortuna, ma per le Olimpiadi come simbolo ci sembrava un po’ lento, così ne abbiamo scelto uno più scattante. Una pantegana. Carino no?"

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 agosto 2008
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Gli atletici olimpici del canottaggio adaptive 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore