Polizia Svizzera più vicina all’Europa

Da giovedì 14 agosto sarà per loro possibile infatti utilizzare il SIS, il database che conteiene tutte le persone e gli oggetti ricercati dei 25 paesi in area Schengen

Da giovedì prossimo polizia, guardie di confine e altri servizi della Confederazione Elvetica potranno utilizzare il Sistema d’informazione di Schengen (SIS), quello che contiene dati su tutte le persone ricercate, disperse o colpite da un divieto d’entrata, e su tutti gli oggetti rubati nei 25 paesi membri della UE.

Lo strumento di cui le forze di sicurezza elvetiche disporranno a partire dal 14 agosto 2008 è una prima tappa indispensabile tappa per l’integrazione della Svizzera allo spazio di Schengen.  Gli esperti provenienti dagli Stati Schengen valuteranno poi dettagliatamente a inizio settembre, come previsto, il sistema di ricerca e il suo impiego anche in Svizzera: e un loro giudizio positivo è il presupposto per la sua adesione allo spazio Schengen verso la fine dell’anno.

Il SIS, sistema comune di ricerca di persone e oggetti degli Stati Schengen sarà utilizzato in tutta la Svizzera da polizia, Corpo delle guardie di confine e da altri servizi sia per accedere ai dati sulle persone e sugli oggetti ricercati registrati nel SIS sia per immettere a loro volta segnalazioni valide in tutto il territorio Shengen.
Il database contiene informazioni su persone ricercate dalla polizia, oggetto di un divieto d’entrata oppure scomparse, nonché su oggetti rubati (come vetture o armi), che sono ricercati negli attuali 25 Stati Schengen.

La Svizzera auspica che l’entrata in vigore integrale dell’acquis di Schengen avvenga poi nel dicembre prossimo: spetterà però al Consiglio dell’UE la decisione finale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore