Alla Liuc si studia il caso “Pomini”, fuori dalla crisi partendo da lontano

Per sconfiggere la crisi l'azienda di Castellanza è partita dieci anni fa con il project e program management. Il caso è stato presentato all'università Cattaneo con Univa. Giangrande: «Ordini fino alla prossima primavera»

La crisi sta cambiando l’economia e le imprese ma c’è chi ha fiutato il vento in tempo e ha saputo mettersi in gioco puntando sull’innovazione. Questa mattina, mercoledì 4 marzo, alla Liuc è stato presentato il caso della Pomini di Castellanza, azienda costruttrice di macchine utensili che annuncia con una certa serenità di sentirsi tranquilla e salda nel mare mosso che la circonda tra chiusure, cassintegrazioni e scioperi grazie ad un metodo utilizzato dall’azienda per innovare iniziato dieci anni fa.  «Siamo partiti – ha raccontato Fulvio Giangrande, direttore del personale di Pomini – coinvolgendo le persone in un "team building". Una prima cellula operativa che è proseguita con la formazione di un gruppo di lavoro di 40 persone che poi si è allargato a tutti i 250 dipendenti impiegati nello stabilimento di Castellanza. Primi due segreti di questo metodo di lavoro sono il coinvolgimento e coesione».

Risultato: «Oggi Pomini – ha continuato Fulvio Giangrande – è un’azienda in controtendenza rispetto all’andamento economico generale. L’adozione di un nuovo progetto organizzativo ci permette oggi di guardare con più tranquillità di altri al prossimo futuro. Prova ne è il fatto che il nostro portafoglio ordini arriva fino alla primavera del prossimo anno». Con buone probabilità, dunque, di scavalcare la crisi grazie al “Project e Program Management a supporto dell’innovazione”, messo al centro dell’incontro di quest’oggi. La sfida, ha spiegato Raffaella Manzini, professore associato della Facoltà d’ingegneria dell’Università LIUC, «è quello di fornire alle imprese strumenti in grado di aggirare, saltare tutti quegli ostacoli che si frappongono tra un’idea e la sua realizzazione, tra un’idea e la sua concretizzazione sul mercato». Con metodo e capacità di programmare. Elementi garantiti dall’adozione, all’interno delle realtà produttive, del project e program management.


Fin qui i vantaggi presentati quest’oggi, riguardanti il tema della capacità di gestire e programmare i progetti di un’impresa. I seminari “Laboratorio d’innovazione” organizzati da Liuc e Univa, però, non si fermano qui. Riprenderanno a maggio con un appuntamento dedicato al tema “L’outsourcing nelle attività d’innovazione e i servizi di sviluppo nuovo prodotto”. A luglio e a settembre, invece, si parlerà di “Innovazione e marketing per i mercati islamici” e “L’innovazione nei servizi”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 marzo 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore