“Cosa studia il Ccr?”

Sabato 16 maggio il centro di ricerca aprirà le porte ai visitatori. I ricercatori saranno a disposizione del pubblico per soddisfare curiosità e spiegare quali sono le attività scientifiche dell'istituto

Nel 1959 fu inaugurato a Ispra il primo reattore nucleare di ricerca operativo in Italia. Oggi le ricerche svolte al sito di Ispra del Joint Research Centre (Centro Comune di Ricerca) della Commissione europea coprono una vasta gamma di attività in tema di ambiente, protezione dei consumatori e sicurezza.

Sabato 16 maggio il centro aprirà le porte ai visitatori. Sarà possibile scoprire come il sito si è sviluppato in questi 50 anni e incontrare i ricercatori provenienti da tutta Europa mentre manipolano pipette, analizzano immagini satellitari per prevedere la prossima inondazione, guidano camion su un banco a rullo per misurarne le emissioni di CO2 – in breve, forniscono un supporto importante alle politiche europee mirate a rendere l’Europa migliore, più sicura e più competitiva.

Laboratori unici in Europa, dimostrazioni pratiche, attività sui prati, esibizioni e conferenze illustreranno la scienza che sta dietro alle politiche e risponderanno a domande come: Da dove ci arriverà l’energia in futuro? Come possiamo garantire la sicurezza del cibo che mangiamo e dei prodotti che usiamo? Come possiamo proteggerci dai disastri naturali? oppure Conosciamo veramente l’ambiente in cui viviamo e come lo proteggiamo?

Una giornata di scoperte per tutti

Nessuno resterà deluso o annoiato! La scelta è ampia per chi si interessa a questioni sull’energia e potrà passare l’intera giornata a raccogliere informazioni interessanti;  ci saranno poi tante attrazioni e attività per la felicità dei visitatori più giovani.

L’apertura sarà dalle ore 10.00 alle 17.30 (ultimo ingresso alle ore 15.30). I visitatori riceveranno le informazioni necessarie e una mappa illustrerà le diverse possibilità di visita, lasciando la libertà di scegliere se completare il giro a piedi o servendosi di un pullman. Saranno predisposte alcune aree di parcheggio a Barza, Cadrezzate e Ispra collegate regolarmente, attraverso un servizio navetta, all’entrata principale del JRC.
 

Non mancheranno animazione, sorprese e punti di ristoro.
I più creativi giovani talenti scientifici d’Italia alla ribalta I vincitori del concorso nazionale "SCIENZA E CREATIVITÀ IN CLASSE – 2009: Anno Europeo della Creatività", promosso dal JRC insieme al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, presenteranno i loro lavori.  Lo scopo di questo concorso era di avvicinare i giovani alla scienza o viceversa e si è rivelato un grande successo: la giuria aveva il difficile compito di selezionare i tre progetti più creativi e più rilevanti tra le oltre 200 proposte pervenute – pagine web, video, giochi, canzoni, giornali su temi quali i cambiamenti climatici, la sicurezza alimentare e le energie rinnovabili.
Janez Potočnik, Commissario europeo per la scienza e la ricerca, premierà i tre vincitori.
L’iscrizione è obbligatoria e si può fare all’indirizzo: www.jrc.ec.europa.eu/ispra-openday-2009 dove si trova anche il programma completo della giornata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 aprile 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore