Le “famiglie di Livingston”, dove il problema è per due

Non sono pochi i casi di lavoratori e lavoratrici della compagnia sposati tra loro. "È dura, ma anche noi diciamo che l'obbiettivo non è solo immediato, non è solo la cassa"

Sono tante le “famiglie di Livingston”, marito e moglie che vivono grazie allo stipendio della compagnia aerea e che ora si trovano in difficoltà, a volte più di quanto non lo siano gli altri colleghi. «L’ultimo stipendio che abbiamo ricevuto è quello di luglio, che abbiamo in cassato ad agosto inoltrato» ci racconta Laura, che fa l’assistente di volo ed è sposata con Davide, un pilota. «Ci mancano agosto e settembre. Certo io sono un po’ più fortunata, lo stipendio di mio marito era più alto e riusciamo ancora a starci dentro con il bilancio». I casi di coppie di lavoratori non sono certo rari (nella foto, un gruppo), come del resto accade in altre aziende, diverse hanno anche figli. «Per il personale di volo è particolarmente difficile, perchè comunque ci siamo dovuti fare carico anche del costo degli alberghi, che non ci hanno ancora rimborsato».  Come tutti gli altri si trovano ad affrontare l’urgenza di portare avanti la famiglia nell’immediato, ma anche di tutelare il loro posto di lavoro nel tempo. «La cassa integrazione non era il nostro obbiettivo» ribadisce Paolo, anche lui sposato con un’altra dipendente Livingston. «Noi vogliamo lavorare. E siamo qui a dire anche per dire questo: che siamo operativi, che ci teniamo ai viaggiatori, al buon nome che avevamo costruito con la nostra storia»

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 13 Ottobre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.