Volontari al lavoro: ripuliti i torrenti

Domenica di grandi pulizie, al lavoro gli alpini che hanno ripulito gli alvei del Rio Vallone e della Roggia Brivio. La cronaca raccontata dal vicesindaco Claudio Renon

Pulizia degli alvei a Porto CeresioCi sono voluti almeno un paio di rinvii al calendario programmato dalla Protezione Civile della Provincia di Varese e della Regione Lombardia (S.T.E.R.), ma finalmente questa domenica 27 gennaio si è svolta a Porto Ceresio la giornata di prevenzione del territorio denominata “Fiumi Sicuri “ , concordata con Amministrazione Comunale.

I cittadini di Porto Ceresio, che erano già svegli alle 7.30 del mattino a – 5°C di temperatura, si sono visti invadere da un esercito arancione composto da oltre 70 Volontari dell’ANA (Associazione Nazionale Alpini ) . Un esercito veramente pacifico, organizzato ed efficiente che ha lasciato esterrefatti coloro che non avevano avuto modo prima di vederli in azione.

Tre squadre di volontari divise su tre fronti del paese di Porto Ceresio hanno pulito le sponde del Rio Vallone a lato del cimitero, gli alvei della Roggia Brivio che scorre a ridosso del plesso scolastico e un tratto lungo la ferrovia.

Un lavoro di persone in armonia, contente di stare insieme, che si sono date solo la pausa di un panino per riprendere l’energia necessaria a completare un buon lavoro. Chi ha guardato da fuori il loro operato ha come assistito ad una “rappresentazione”, ognuno di essi eseguiva compiti ben precisi senza sovrapposizioni di ruoli; serve davvero un applauso per il loro regista !
In un’Italia che mostra sempre le sue negatività, poter parlare di persone che si mettono a disposizione della collettività gratuitamente e generosamente dà molta speranza per il futuro.

La salvaguardia di un territorio delicato come quello di Porto Ceresio si deve fare necessariamente anche attraverso iniziative di prevenzione come questa, che impediscano o quantomeno riducano i rischi di alluvioni, scongiurando eventi che i portoceresini hanno vissuto nel recente passato.

L’Amministrazione Comunale di Porto Ceresio
che ha trovato il necessario supporto degli organi istituzionali della Provincia Varese e della Regione Lombardia, sta lavorando su questa strada e con il contributo gratuito e lodevole della Ditta Edilceresio dei fratelli Plebani, ha anche dato l’avvio allo svuotamento delle briglie di contenimento del Rio Vallone, lavori che nelle prossime settimane si effettueranno anche lungo i corsi d’acqua che scorrono alle spalle del centro storico del paese.

Un nuovo appuntamento in tema di Ecologia e Territorio attende gli abitanti di Porto Ceresio: nel corso del mese di marzo, si ripeterà come lo scorso anno l’iniziativa delle Giornate Insubriche del Verde Pulito patrocinate dalla Provincia di Varese, dalla Regione Lombardia e dalla Regio Insubrica. Un caldo invito da parte dell’Amministrazione Comunale ai suoi concittadini a partecipare.

Sarà un’occasione per dimostrare che il bell’esempio dato dagli Alpini domenica 27 gennaio, è seme che fa frutti !

Galleria fotografica

Giornata "fiumi sicuri" a Porto Ceresio 4 di 5

Claudio Renon

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Giornata "fiumi sicuri" a Porto Ceresio 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.