“Clark fuori per scelta, ma non lo boccio”

Frates ammette i problemi del suo playmaker ma chiede di essere pazienti. Banchi felice: "Prestazione importante dopo due sconfitte"

Fabrizio Frates, buon per lui – ha visto al Forum «una partita molto bella, combattuta e giocata fino alla fine». Al di là del giudizio estetico che non ci trova granché d’accordo, il coach della Cimberio prosegue: «Peccato per la sconfitta; siamo arrivati fino a toccare la palla per risalire sopra al -3 e poi purtroppo è andata così. Ci tenevo a vincere a Milano e mi dispiace per i ragazzi che hanno fatto una bella partita e per il pubblico che ci ha seguito. Al di là della sconfitta però voglio dire che la mia squadra ha giocato col cervello ed eseguito bene certe cose che avevamo preparato in settimana; insomma, abbiamo disputato una bella battaglia nel solco delle grandi sfide che ci sono sempre state tra Milano e Varese».
Non può però mancare una notazione su Keydren Clark, ancora una volta largamente insufficiente. «Nell’ultimo quarto è rimasto fuori per scelta tecnica, perché De Nicolao attaccava di più il canestro, è si è reso più pericoloso nei confronti della difesa di Milano. Però la mia non è una bocciatura; sicuramente KeeKee non sta giocando la sua migliore pallacanestro e deve essere più brillante e pericoloso, però Andrea in questo momento ci sta dando tanto e non sta facendo sentire la mancanza di Clark. La stagione è molto lunga, c’è anche la coppa, contiamo che il nostro play torni su alti livelli».
Infine, a quattro giorni da Lubiana, Varese ha pagato di nuovo caro le difficoltà a rimbalzo. «Noi in generale soffriamo sotto questo aspetto, a maggior ragione contro una squadra della taglia di Milano che anche senza Kangur e Gigli resta molto stazzata. Ciò vale non solo per i lunghi ma anche sugli esterni dove rendiamo chili e atletismo. E’ un punto su cui dobbiamo lavorare, lo sappiamo bene. Però voglio anche sottolineare che questa sera Hassell è stato bravo: magari le cifre non lo premiano del tutto, però è migliorato in difesa, è stato presente a rimbalzo e ha giocato una buona gara».

Sul fronte opposto Luca Banchi, dopo due sconfitte tra campionato e coppa, può finalmente festeggiare la prima vittoria con l’Olimpia. «Sono soddisfatto perché ho visto una prestazione energica e combattiva come fino a oggi non eravamo riusciti a produrre. Eravamo all’esordio in casa, contro una squadra competitiva come Varese; forse le due sconfitte iniziali ci hanno dato quel pizzico di rabbia in più per vincere. Con due assenti e Moss acciaccato non era semplice produrre una partita del genere a sole 72 ore da quella di Istanbul. Ora ci godiamo qualche ora di riposo perché la squadra ha fatto un grande sforzo, poi pensiamo a Kaunas e speriamo di avere anche giovedì questo supporto di pubblico».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.