Frates: “Dobbiamo crescere in difesa”

Il coach di Varese puo' tirare un bel respiro, elogia la squadra e pensa già alla prossima trasferta di Cremona. «Contr Bologna abbiamo confermato il buon andamento dell'ultimo periodo»

«Il primo respiro dopo quattro mesi con una vittoria fuori casa sarebbe molto bello». Fabrizio Frates, coach di Varese, dice di volersi godere questa bella vittoria, ma in realtà pensa già alla prossima trasferta di Cremona. In effetti trovare i due punti lontano dal Palawhirlpool sarebbe un bel regalo per la società e i tifosi. Commenta così la partita contro Bologna: «Era importante vincere e ci siamo riusciti, è una bella sensazione. La vittoria è arrivata grazie a una grande prestazione a conferma del buon andamento dell’ultimo periodo, dove abbiamo fatto bene senza purtroppo portare a casa punti. Con Bologna abbiamo tirato benissimo, con quattro giocatori in doppia cifra, sedici assist, una valutazione molto ampia e siamo soddisfatti per come cresciamo soprattutto in difesa. Abbiamo avuto un solo sbandamento nella seconda metà del secondo quarto, ma per un problema tattico perché non si poteva riproporre la zona e tornando a uomo e nell’uno contro uno perdevamo qualcosa, soprattutto nella marcatura di Walsh che è un giocatore molto tecnico. A parte quei quattro minuti, la difesa mi è piaciuta molto. Abbiamo fatto un grosso lavoro con Ere che ha fermato Hardy ed era importante fermarlo perché aveva fatto 20 minuti nei primi due quarti. Anche Rush ha giocato bene in difesa, è lì che dobbiamo crescere ancora per valorizzare meglio i possessi in attacco». 

Bologna
si è scontrata contro la determinazione di Varese e Luca Bechi, coach della Granarolo, lo ammette senza riserve: «Varese ha giocato una partita di grande energia, mentre noi dopo un inizio faticoso siamo ritornati in partita nel secondo quarto. Il terzo è stata la chiave della partita perché abbiamo concesso troppi tiri, senza riuscire fermare il ritmo di Varese e tutte le volte che abbiamo fatto qualcosa di buono loro lo annullavano. Nell’ultimo quarto la Cimberio è stata brava ad allungare di nuovo e in modo decisivo. Abbiamo una serie di problemi, soprattutto fisici, che ci fanno sbandare un pochettino, la panchina corta e le partite ravvicinate non ci aiutano. Dobbiamo fare meglio e per fortuna nostra giochiamo già domenica prossima, ora il nostro obiettivo è tornare a vincere».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 dicembre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore