Più di uno sfratto al giorno in città

Il dato preoccupa l'assessore ai Servizi Sociali: "Cerchiamo di dare una risposta a tutti ma non sempre è possibile". Il caso di una famiglia sfrattata nonostante il figlio disabile e quello di un palazzo Aler senza impianto di riscaldamento

A margine dell’inaugurazione dei lavori per la "Casa di Francesco" l’assessore ai Servizi Sociali di Gallarate Margherita Silvestrini mette sul tavolo un dato che, da solo, spiega tutto: «Da luglio ad oggi i Servizi Sociali hanno trattato 80 casi di sfratto sia per morosità che per vendita all’asta giudiziaria dell’abitazione, praticamente uno al giorno e mancano i dati di quelli che non passano da noi. Li abbiamo chiesti più volte al Tribunale di Busto ma non abbiamo ancora ricevuto risposta». L’emergenza abitativa è una realtà che sta irrompendo con sempre maggiore forza anche in realtà come quelle di Gallarate o di Busto Arsizio dove il problema è emerso con la protesta clamorosa della famiglia De Magistris davanti al Comune. 

LEGGI ANCHE: Via ai lavori per la "Casa di Francesco"

UNA STORIA A LIETO FINE – «Nelle settimane scorse abbiamo risolto positivamente il caso emblematico di una famiglia con 4 figli dei quali uno gravemente disabile – racconta l’assessore – nonostante fossero assegnatari di una casa popolare e l’assicurazione da parte del Comune che si sarebbe fatto carico di due mesi di affitto per dare la possibilità ad Aler di preparare l’appartamento, il proprietario ha deciso di far eseguire comunque lo sfratto e questo nucleo familiare si è ritrovato in mezzo alla strada» – il Comune ha pagato due giorni di albergo alla famiglia e l’assessorato ha messo in moto tutti i contatti a sua disposizione per trovare una soluzione abitativa temporanea, in attesa che venisse pronta la casa popolare. Alla fine, grazie all’interessamento di Hamid Khartaoui (responsabile della comunità islamica gallaratese, ndr) la famiglia è riuscita ad avere un tetto, anche se fuori Gallarate: «Ora vivono nell’appartamento a loro assegnato e hanno ritrovato un po’ di serenità» – conclude l’assessore.

LA SITUAZIONE GENERALE – A proposito di Aler anche a Gallarate cominciano a palesarsi alcuni problemi nelle manutenzioni degli appartamenti. Siamo ancora lontani dai dati di Busto Arsizio, dove sono 120 gli appartamenti inagibili e che l’azienda regionale non può assegnare, ma emergono situazioni piuttosto estreme come il caso di una palazzina senza impianto di riscaldamento mentre sono una decina gli appartamenti chiusi per problemi di agibilità in tutta la città: «Va detto che a Gallarate abbiamo una lista d’attesa che si assesta sulle 500 richieste e ogni anno riusciamo ad assegnare una trentina di appartamenti in media – conclude l’assessore che poi annuncia – presto partirà un piano di ristrutturazione di alcuni tetti messo in campo da Aler».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Ottobre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.