Qualche precisazione sul padre di Stefano Binda

Nessuna riesumazione, si attende la decisione del giudice sull'inciidente probatorio

Brebbia Stefano Binda

Fonti vicine alla procura generale di Milano, smentiscono che gli inquirenti vogliano chiedere la riesumazione della salma del padre di Stefano Binda, l’uomo di 48 anni in carcere per l’omicidio di Lidia Macchi.
(foto, la villetta di Brebbia dove risiede)

Nei giorni scorsi si era parlato anche di una possibile acquisizione del fascicolo relativo alla morte dell’uomo, avvenuta in casa, ma non sarebbe allo stato attuale una delle piste della procura generale e soprattutto non è in programma alcuna riesumazione.

Per quanto riguarda la salma di Lidia Macchi, la procura generale rimane sulla stessa linea dei giorni scorsi: le spoglie saranno riesumate solo se sarà strettamente necessario, come ultima ratio.

Binda si trova ora nel carcere milanese di San Vittore.

L’accusa ha presentato richiesta di incidente probatorio per interrogare alcuni amici dell’uomo e fissare le loro parole come se si trattasse di un momento del processo, ma il gip ha rilevato un difetto di notifica. Dunque i tempi della decisione del giudice slittano di qualche giorno.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 01 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore