Sabato Progetto Comune presenta il suo candidato

Nuove adesioni e il nome dell'aspirante sindaco: si muove a lista di centrodestra che punta a rappresentare l'area più centrista e moderata

Progetto Comune, l'altro centrodestra di Gallarate

A distanza di una settimana dalla presentazione del progetto e delle idee che hanno riunito i promotori, Progetto Comune lancia ufficialmente il suo candidato sindaco: sabato mattina alle 10.30, alle Scuderie Martignoni, verrà indicato il nome scelto per competere – nell’area del centrodestra moderato – alle prossime elezioni amministrative di giugno. Il nome ricorrente è quello di Roberto Borgo, leghista della prima ora, candidato sindaco della Lega Nord nel 1997, infine uscito dal partito nella tumultuosa fase in cui la Lega di Bossi è stata “fatta fuori” da quella di Maroni e Salvini.

L’operazione di Progetto Comune guarda esplicitamente all’area di centrodestra, è – ça va sans dire critica verso la gestione del centrosinistra guidato dal sindaco Edoardo Guenzani, che ora si ricandida. Ma è anche una lista che compete con il centrodestra – per così dire – ufficiale, quello guidato da Lega Nord e Forza Italia e sostenuto anche da altre esperienze più o meno civiche (compresa la destra di Fratelli d’Italia): una lista che punta a intercettare il voto dei moderati che potrebbero non riconoscersi nella candidatura di Cassani, ma contemporaneamente anche attenta in pieno all’area centrista e al voto cattolico. Smarcandosi dai due schieramenti precostituiti, cerca anche una dimensione civica, ben rappresentata dal simbolo della lista che evoca gli archetti della chiesa di San Pietro, simbolo cittadino per eccellenza, laico, ma con un richiamo a radici storiche religiose.

Tutte le notizie sulle elezioni amministrative 2016

Nella presentazione sono stati evocati anche alcuni temi significativi, come scuola, territorio, sicurezza, smarcandosi dal centrosinistra ma – almeno sulla sicurezza – anche da Cassani. Quanto potrà essere forte l’operazione? Si vedrà con il nome del sindaco e con le prime mosse. Qualche movimento però c’è già stato: simbolico ad esempio l’accostarsi di un esponente di lungo corso della politica e della vita associativa cittadina, l’ex vicesindaco Paolo Caravati che pochi giorni fa ha annunciato l’addio a Fratelli d’Italia, in esplicita polemica con la candidatura scelta. Ora l’opzione per Progetto Comune: «Al di là delle ideologie, credo sia una lista che può incontrare la simpatia di molti cittadini, che sono stufi dei partiti, in particolare dei partiti dell’attuale centrodestra» spiega Caravati. «L’ultimo passo, la scelta di un candidato sindaco che non è rappresentativo della città. Progetto Comune è fatto da gente che conosce bene l’amministrazione, conosce le esigenze dei cittadini, come mettere d’accordo esigenze diverse».

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.