Quantcast

Olimpiadi, la grottesca vigilia del beach volley azzurro

Orsi Toth positiva al doping, Perry senza requisiti: a Rio andrà Giombini. Il tutto per non convocare Greta Cicolari

Becky Perry, da Busto a Rio a colpi di foto

Greta Cicolari? Manco per sogno. Viktoria Orsi Toth? Positiva all’antidoping. Allora Becky Perry? No, dopo averla spedita in Brasile si scopre che non ha i requisiti. E allora via libera a Laura Giombini, e pazienza se non ha praticamente mai fatto coppia con l’unica inamovibile della squadra azzurra, Marta Menegatti.

Galleria fotografica

Becky Perry, da Busto a Rio a colpi di foto 4 di 24

La vigilia olimpica per il beach volley femminile italiano è sempre più grottesca, solo per non usare termini più scurrili che sarebbero quelli più adatti per descrivere la situazione.

Già perché si è arrivati a questo punto perché la Federvolley non ha alcuna intenzione di portare a Rio la già citata Greta Cicolari, che con la federazione è andata per vie legali fino a vincere la causa e ottenere un’indennizzo di oltre 200mila euro per le esclusioni patite negli ultimi anni dalla giocatrice bergamasca. Che, anche nelle ultime ore, ha avanzato la propria candidatura (ovviamente non considerata) a vestire l’azzurro a Rio 2016 visto il gorgo in cui è caduta Viktoria Orsi Toth, naturalizzata di nascita ungherese “pizzicata” all’antidoping alla vigilia della partenza per il Brasile.

A quel punto la federazione, che si guarda bene di richiamare Cicolari, ha scelto per Rio un’altra naturalizzata e cioè Becky Perry. Nata in California, cresciuta in Texas, già protagonista in Serie A anche con la maglia di Busto Arsizio, la bella Becky non ha però i requisiti minimi per disputare i Giochi, perché non ha partecipato a un numero sufficiente di tornei internazionali di beach volley. Incredibile che lo staff azzurro non lo sapesse, ancor più incredibile pensare che abbia voluto forzare i regolamenti.

E così, a quanto pare, per il Brasile partirà la 27enne perugina Giombini, specialista – lei sì – del beach volley e compagna di formazione proprio di Perry in questa stagione. Peccato che Giombini – che non ha ovviamente alcuna colpa dell’accaduto – con l’altra titolare Marta Menegatti abbia giocato soltanto un paio di tornei under 23 tra il 2009 e il 2010, un’era geologica fa. In tutto ciò, è bene ricordare che all’esordio contro il Canada mancano appena 4 giorni, roba che le giocatrici dovrebbero già iniziare il riscaldamento e invece non si sa ancora da chi è composta la squadra.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 04 agosto 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Becky Perry, da Busto a Rio a colpi di foto 4 di 24

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore