Gli “Alzheimer cafè” si alleano contro la malattia

Le varie associazioni attive nel territorio del Legnanese e del Rhodense, insieme alle amministrazioni comunali, hanno deciso un percorso comune. Domenica 30 settembre una giornata di convegno aperto a tutti

nonnino alzheimer

riceviamo e pubblichiamo

Esistono eventi misteriosi, terribili e dolorosi che possono colpire la vita di ognuno di noi.

Eventi che ci possono devastare e distruggere, oppure diventare opportunità per resistere, per essere donne e uomini capaci di scavare dentro la nostra profondità, per provare emozioni e sentimenti altrimenti non sperimentabili. Questa battaglia dell’uomo contro le avversità è nota, e nota è la testimonianza che tante persone affette da patologie dolorose, invalidanti e incurabili, hanno offerto attraverso il loro vissuto, la loro narrazione diretta, o nei media e nella letteratura. Così abbiamo testimonianze della loro esperienza umana come occasione per apprezzare la vita nelle sue sfumature più intense, imprevedibili e interessanti.

Crediamo però che sia la prima volta che una malattia così impegnativa, devastante e drammatica diventi l’occasione per diverse e intense esperienze comunitarie presenti diffusamente sul territorio italiano. In tale contesto si inseriscono le esperienze che sono presenti da anni nel Legnanese e recentemente nate nel Rhodense. Dal 2010 a Legnano l’associazione “A” per non dimenticare fornisce sostegno, attività di stimolazione e socializzazione ai malati e ai propri familiari: Alzheimer cafè, stimolazione cognitiva, gruppi di muto aiuto, corsi di formazione per i familiari e gli operatori sanitari.  Da questa prima esperienza, grazie ad un finanziamento del gruppo Cariplo e degli 11 comuni del Legnanese tramite il piano di zona, è nata un ‘altra realtà che inizialmente ha vissuto come una costola di “A” per non dimenticare ed è poi diventata indipendente grazie all’iniziativa di Croce Azzurra Ticinia Onlus che con i suoi volontari sostiene l’Alzheimer cafè e la formazione dei familiari. Le attività hanno sede a Villa Cortese e sono sostenute con forza e convinzione da sei amministrazioni comunali del Legnanese e dal piano di zona. Infine, contagiati dalla “bellezza” e dall’efficacia di queste iniziative sia sui i pazienti che sui loro care-giver (figure fondamentali nella cura del paziente e nel garantire la massima qualità di vita possibile), gli Amministratori comunali del Rhodense, insieme con Sercop, la loro società per la gestione dei servizi sociali, e il contributo di Auser Regionale Lombardia e dei suoi volontari locali,  hanno deciso di aprire gli Alzheimer Cafè di Pero (già attivo), di  Cornaredo e Arese di prossima apertura.  Ad Arese, l’Alzheimer Cafè è sostenuto anche dai volontari della Casa di riposo Gallazzi-Vismara. Così, in breve tempo, l’esperienza del legnanese si è estesa alla zona del Rhodense, con grande impegno di amministratori e volontari, e con grandi soddisfazioni e risultati.

Il cammino di queste esperienze ha avuto il contributo diretto della competenza, della formazione, del sostegno operativo del personale del Centro Regionale Alzheimer dell’ASST Rhodense, centro di riferimento per la cura e l’assistenza dal 1993, attualmente diretto dal dr. Daniele Perotta e in precedenza guidato dalla dr.ssa Carla Pettenati che ora collabora con l’associazione “A” per non dimenticare.

La narrazione dei familiari e dei pazienti, l’efficacia percepita dai volontari e dagli operatori ed infine la consapevolezza che questa nuova forma di sostegno e assistenza può diventare una grande opportunità culturale e comunitaria ha spinto gli attori di tutte le associazioni di volontariato e delle amministrazioni comunali coinvolte a incontrarsi per trovare sinergie comuni. In un primo incontro informale che si è svolto il 5 Luglio 2017 a Pero e si è subito creata, tra le 50 persone presenti, un’atmosfera di condivisione e di intenti entusiasmante. Sulla spinta di questa “prova” di coordinamento si è deciso di proporre un incontro ufficiale all’interno di una giornata dedicata alla malattia di Alzheimer il 30 settembre a Legnano presso la sala Leone da Perego (mattino dalle 8.30 per i medici, pomeriggio dalle 15.00 per tutta la cittadinanza, ndr). La giornata verrà conclusa da una Tavola rotonda alla quale parteciperanno Amministratori locali, Operatori sanitari, familiari e volontari, con lo scopo di porre le basi di un coordinamento tra gli Alzheimer Cafè, opportunità unica e preziosa di condivisione e crescita.

Il programma della giornata inoltre prevede al mattino un corso di aggiornamento ECM rivolto a medici di medicina generale e specialisti del nostro territorio.  Verranno trattati temi fondamentali.

I nuovi criteri diagnostici per individuare la fase precoce, il piano nazionale demenze, gli interventi farmacologici e non farmacologici per trattare il paziente è sostenere il care-giver.

Comunicato stampa a firma:

-Volontari Alzheimer cafè Legnano, Villa Cortese, Pero, Cornaredo, Arese

-Associazione Croce Azzurra Ticinia, Associazione A…per non dimenticare, Auser regione Lombardia

-Amministrazioni comunali Piano di Zona Legnane e Rhodense 

-Operatori sanitari centro regionale Alzheimer ASST rhodense

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore