Wells di nuovo leader, Okoye è il suo braccio armato

L'ala nigeriana è il nostro MVP, 18 punti con appena 11 tiri, ma il playmaker conferma la propria svolta. Bella staffetta tra i due pivot

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66

AVRAMOVIC 7 – Non è il terminator visto contro Pistoia, ma dà ugualmente il suo contributo alla causa: pasticcia un po’ in avvio, poi però è puntuale nell’attaccare il canestro (3 su 3, nessuna forzatura) e ispirato nel mandare a segno i compagni. Quattro assist, compreso uno da rimbalzo per il contropiede di Okoye.

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66 4 di 27

PELLE 7 – Ha il miglior impatto possibile sulla gara: pronto a convertire gli scarichi ad altezza ferro (finalmente arrivano!), attento a muoversi in difesa, rinunciando a qualche tentativo di stoppata pur di non abboccare alle finte. Poi, al solito, un paio di falli evitabili lo mandano in panchina; Cain gioca bene e lui si rivede solo per il finale. MVP per i lettori di VareseNews che lo hanno votato nel liveblog.

NATALI 6,5 – In campo a giochi fatti, ma si fa apprezzare ugualmente, segnando – tra le altre cose – un triplone per il massimo vantaggio (+32).

OKOYE 8 (IL MIGLIORE) – Diciotto punti con appena 11 tiri (e appena due liberi), a cui aggiunge anche 11 rimbalzi per un’altra “doppia doppia”, la seconda in sei partite. Se Wells è la guida della squadra, Stan è il braccio armato: segna di morbidezza, di potenza, di astuzia. A difesa schierata, in contropiede, in transizione. E quando Trento mette le mani addosso, lui accetta la sfida e piazza un paio di prodezze.

TAMBONE 5 (IL PEGGIORE) – L’unico che partecipa alla festa senza sorridere: Trento, almeno sul play di scorta, ha preso bene le misure e lo raddoppia ogni volta che il Tambo prova cambiare direzione. Caja lo coccola nel dopo partita: giusto così.

CAIN 7 – Pelle inizia il lavoro di demolizione dentro l’area, Cain lo porta a termine con il consueto mestiere. Sempre poco appariscente in attacco, è però un’idrovora che aspira i rimbalzi (ben 10). Si muove alla perfezione nei meccanismi difensivi, con il povero Behanan ampiamente respinto.

FERRERO 7 – Tra i primi a suonare la carica, da bravo ufficiale, chiude la partita con un rotondissimo 3 su 3 al tiro. Peccato per i falli, ma del resto sono anche quelli un segnale positivo, perché Giancarlo li spende (quasi tutti) per fare la voce grossa con i rivali.

WELLS 7,5 – Dopo la svolta con Pistoia arriva la conferma con Trento. Se il vero Wells è quello delle ultime due gare, Varese può stare tranquilla: ha trovato il suo leader. Guida la squadra, si prende il giusto numero di iniziative e – soprattutto – le converte spesso e volentieri in punti sul tabellino. 15 punti, 4 rimbalzi, 3 assist: presenza a tutto campo.

WALLER 7 – Qualche forzatura, è vero, ma anche qualche miracolo: il fuciliere americano arriva comodo comodo in doppia cifra anche questa volta, dando però un buon contributo anche a livello difensivo (citofonare Flaccadori nei primi due periodi).

HOLLIS 6,5 – Sigla uno dei gesti tecnici più belli della serata (finta-palleggio-virata-finta-canestro con fallo) e conferma la possibilità di gonfiare il bottino di punti in un amen. Poi però, scaglia anche qualche tiro fuori ritmo e fuori logica, che potrebbe evitarsi. Pazienza, stavolta non ne facciamo un problema.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 05 novembre 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66 4 di 27

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore