Openjobmetis perfetta e feroce: Trento travolta a Masnago

La squadra di Caja non sbaglia nulla e domina i vicecampioni d'Italia con percentuali celestiali, difesa impenetrabile e grande energia. Prima del match l'ovazione agli uomini che hanno spento l'incendio

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66

Difficile fare meglio di così: la Openjobmetis gioca una partita perfetta e travolge Trento davanti a 4mila spettatori con gli occhi letteralmente strabuzzati e le mani bollenti dal tanto applaudire. Varese è mostruosa, sia per le cifre che balzano all’occhio sul tabellino finale (64% da 2, 48% da 3, 47 rimbalzi, 19 assist…), sia per quello che le statistiche non dicono: i biancorossi infatti mettono sul parquet un’energia pazzesca, colpendo gli ospiti proprio laddove potevano essere più forti.

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66 4 di 27

Ferrero e compagni non concedono respiro in difesa, si sbucciano le ginocchia, vincono i contrasti, arrivano primi su ogni palla vagante, su ogni rimbalzo contendibile. E poi reagiscono con classe e convinzione anche quando la Dolomiti prova a sporcare la propria difesa (aiutata dagli arbitri), nel tentativo fallito di colmare un divario larghissimo fin dal primo periodo. Certo, ai ragazzi di Caja va bene tutto, specie in attacco, dove anche le “preghiere” si infilano in fondo alla retìna; canestri però cercati, voluti, desiderati, per portare a casa un successo pesantissimo, il secondo di fila dopo quello su Pistoia.

Varese trova punti dentro l’area – Caja alla vigilia aveva, forse, fatto pretattica dicendo che sarebbe stato duro colpire da sotto – centra a ripetizione il canestro da lontano e mette in luce una squadra che, in questa versione, potrebbe dare filo da torcere a chiunque. A partire da Cameron Wells, che dopo l’avvio difficile pare davvero aver preso in mano il quintetto a colpi di leadership; e poi l’ex brutto anatroccolo Okoye, preciso e potente nel demolire la difesa di Trento. Ma anche stavolta, come nelle precedenti vittorie, sono tanti i padri del successo biancorosso: ora la Openjobmetis si è messa in perfetto equilibrio per quanto riguarda il ruolino di marcia (3 vinte e 3 perse) e può iniziare a pensare a piazzare un colpo esterno. Domenica prossima sarà durissima – ad Avellino, a mezzogiorno – ma perché non provare a ripetersi?

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66

COLPO D’OCCHIO

Un applauso lunghissimo precede l’inizio della partita, quello tributato dal palazzetto al folto gruppo di Vigili del Fuoco e volontari antincendio presenti a Masnago in rappresentanza di tutti coloro che hanno contribuito a spegnere il tremendo incendio dei giorni scorsi su Sacro Monte e Campo dei Fiori. Un momento davvero emozionante e sentito dai quasi 4mila presenti, cornice di pubblico migliore rispetto a quella vista con Pistoia.

PALLA A DUE

Shavon Shields rimane seduto in tuta sulla panchina di Trento, come ipotizzato alla vigilia. La distorsione alla caviglia rimediata in Coppa non gli permette di scendere in campo a quattro giorni dall’infortunio. Buscaglia inizia quindi con i nuovi Gutierrez e Behanan insieme ai confermati Flaccadori, Gomes e Sutton. Prima variazione stagionale rispetto al quintetto classico della Openjobmetis: con le due guardie americane, Okoye e Ferrero c’è Norvel Pelle invece di Cain, per poter competere con gli avversari sul piano dell’atletismo.

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66

LA PARTITA

L’inizio biancorosso è da stropicciarsi gli occhi, e non è un fuoco di paglia: Trento sorpassa solo sulla tripla di Gutierrez (6-7) a cui rispondono subito Waller e Okoye dall’arco. Ma è Pelle a dare una spallata che costringe al timeout Buscaglia a metà periodo. I biancorossi piazzano un pazzesco parziale di 19-0 (lo interrompe una tripla di Silins) che si tramuta nel 31-12 della prima sirena: partita già indirizzata.
Anche perché la Openjobmetis nel secondo quarto è ancora, se possibile, più determinata: Buscaglia ordina ai suoi di difendere in modo più sporco – e Forray è quasi insopportabile – con gli arbitri che chiudono più di un occhio. Varese però non si scompone, reagisce all’unico tentativo di rientro trentino (“solo” +14 al 15′) e trova in Okoye e Wells i bracci armati che fanno risalire il vantaggio sino al +20 della pausa lunga, con due soli piccoli problemi: i tre falli di Pelle e Ferrero.

Il capitano, dopo un triplone, commette anche la quarta penalità a inizio ripresa ma Hollis è pronto da subito a dare un buon contributo. Tocca invece a Waller trascinare i biancorossi fino al +30 con due canestri pesanti, il secondo dei quali davvero pazzesco (alle scadere dei 24”). Trento è letteralmente in bambola e gli emblemi sono Forray – nervoso fino a prendere un tecnico – e Sutton, anzi il fantasma di Sutton. Un break di Flaccadori è la sola cosa positiva per i bianconeri, sotto 77-48 al terzo stop.

IL FINALE

Il monologo continua nell’ultimo periodo, e per la gente è una serata di festa. Notte magica soprattutto per i giovani Marco Bergamaschi e Omar Seck, a cui Caja concede la gioia dell’esordio in Serie A nell’ultimo minuto, anche per far raccogliere ovazioni ai suoi “senior”. La Openjobmetis continua a segnare anche con quintetti inusuali e con Natali (tripla) arriva ancora a +32. Ma vincere di 33 con i trentini sarebbe davvero troppo: il solito Flaccadori e pure l’impalpabile Sutton raccolgono qualche punto nel finale per il 93-66 da mandare in archivio.

OPENJOBMETIS VARESE – DOLOMITI EN. TRENTO 93-66 (31-12, 49-29; 77-48)

VARESE: Wells 15 (4-8, 2-4), Waller 14 (2-5, 3-8), Okoye 18 (5-7, 2-4), Ferrero 8 (1-1, 2-2), Pelle 12 (3-5); Avramovic 6 (3-3), Bergamaschi, Natali 3 (1-1 da 3), Seck, Tambone 2 (0-1), Hollis 10 (3-4, 1-4). All. Caja.
TRENTO: Gutierrez 14 (1-2, 2-5), Flaccadori 13 (2-2, 2-6), Gomes 2 (1-3, 0-6), Sutton 7 (1-4, 1-4), Behanan 7 (2-7, 1-1); Franke 5 (0-3, 1-3), Silins 7 (2-2, 1-4), Baldi Rossi 8 (1-1, 2-4), Forray 1 (0-3). Ne: Conti, Lechthaler. All. Buscaglia.
ARBITRI: Mazzoni, Rossi, Perciavalle.
NOTE. Da 2: V 23-36, T 10-27. Da 3: V 11-23, T 10-33. Tl: V 14-17, T 16-27. Rimbalzi: V 47 (11 off., Okoye 11), T 28 (12 off., Sutton 12). Assist: V 19 (Avramovic, Waller 4), T 9 (Forray 3). Perse: V 13 (Cain 3), T 8 (4 con 2). Recuperate V 5 (Cain 2), T 4 (Sutton 2). Usc. 5 falli: nessuno. F. tecnico: Forray (24.55). Spettatori: 3.903. Incasso: 55.518 euro.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 04 novembre 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66 4 di 27

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il Campo

    ma i commenti non si vedono più?!?!

    1. Damiano Franzetti
      Scritto da Damiano Franzetti

      @il Campo: si vedono, ma rispetto a una volta ne arrivano molti meno!

Segnala Errore