All’Acof corsi con docenti madrelingua per i bimbi cinesi

Dopo le lezioni di lingua e cultura russe, Acof introduce l'insegnamento del cinese. Corsi con docenti madrelingua per mantenere il legame culturale con il paese d'origine

olga fiorini

Un corso di lingua e cultura cinesi indirizzato ai bambini cinesi in Italia. È la nuova proposta educativa di Acof Olgia Fiorini che ha fatto della vocazione internazionale una delle sue caratteristiche. L’iniziativa arriva a un anno dall’esperienza in lingua russa. 

Anche in questo caso, la scelta ha anche ragioni economiche. Cinese e russo infatti sono sempre più diffusi nei rapporti commerciali: «Dopo l’esperienza della scuola di russo nelle giornate del sabato – spiega la responsabile del progetto di Acof, Valentina Bottini – avvieremo, dal 26 settembre, quella del cinese. Si tratta di proposte che vogliono affiancare l’insegnamento dell’italiano a quello delle materie legate alla storia, alle tradizioni, alla geografia e alla cultura di origine delle famiglie dei nostri allievi, sia russi sia cinesi».

La vocazione internazionale della proposta educativa di ACOF Olga Fiorini è ben nota e si è in questi anni concretizzata in una filiera formativa che va dalla scuola dell’infanzia all’istruzione superiore con la English School (scuola dell’infanzia, Primary e Middle School) e il Liceo Internazionale per l’Innovazione. Questa proposta tanto variegata offre tutti i vantaggi di un approccio internazionale e multiculturale all’apprendimento, non solo favorendo la conoscenza di più lingue straniere, ma anche l’apertura mentale e la flessibilità garantita dal contatto e dalla conoscenza di culture diverse.

«Da fine settembre i bambini cinesi dai 7 anni in su – afferma Bottini – ogni domenica saranno affiancati da docenti cinesi che gli consentiranno di non perdere la loro cultura imparando la geografia, la storia, e la lingua cinese. La numerosa comunità cinese presente nel territorio di Busto – sottolinea Bottini – ha spinto Acof a collaborare con la scuola cinese di Varese, per creare un percorso di insegnamento della lingua cinese anche sul territorio di Busto Arsizio, confermando nella sua sede di via Costa la ‘casa delle lingue’, rispondendo a una mission storica e a una vocazione internazionale sempre più marcata».

Per quanti vogliano conoscere la proposta sono programmati due Open day: il primo venerdì 7 dalle 17 alle 18.30 e il secondo sabato 8 dalle 10 alle 12 con la presenza delle insegnanti cinesi e dei referenti Acof.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore