Giornata dell’Unità nazionale

Incontro delle autorità con tutte le località tra montagna e lago per prendere omaggio al valore dei Caduti

Avarie

Domenica 4 novembre 2018, l’Amministrazione comunale di Maccagno con Pino e
Veddasca ricorda il 100° anniversario dell’Unità nazionale e festa delle forze armate. Alle 8,30 una delegazione partirà dal Municipio per portare un ricordo ai monumenti ai Caduti di Pino (ore 8.45), Garabiolo (ore 9.15) e Campagnano (ore 9.30), per poi ritrovarsi in Largo Alpini.

Qui, dopo l’alzabandiera alle ore 10.15, il corteo dei rappresentanti d’arma, cittadini e scolaresche porterà le corone di alloro ai monumenti ai Caduti di Maccagno superiore (ore 10.15), dove si svolgeranno anche le orazioni ufficiali e la lettura di brani da parte dei giovani alunni. Al termine(ore 10.40), il corteo si e trasferirà al Monumento ai Caduti di inferiore concluderà alla chiesa di santo Stefano per la messa celebrata alle ore 11.15, in suffragio dei Caduti di tutte le guerre.

Alle ore 14 nuovo appuntamento nel Parco del Municipio di Maccagno per la salita in Val Veddasca. L’appuntamento con i monumenti ai Caduti è a Cadero (ore 14.20), e successivamente a Graglio (ore 14.40), dove sarà inaugurato il Parco delle Rimembranze appena restaurato. Successivamente il trasferimento ad Armio (ore 15.20), Lozzo (ore 15.40) e Biegno (ore 16.00). La cerimonia si concluderà al Sacrario Garibaldino nella Chiesa dedicata alla Madonna della Neve al Passo Forcora (ore 16.20). Alla cerimonia parteciperà la Scuola musicale Maccagno, mentre l’intera manifestazione si terrà anche in caso di maltempo.

«Una giornata intensissima e faticosa, ma anche una grande festa per il nostro territorio», dice il sindaco Fabio Passera. “Oggi viviamo in Pace e ci sembra di parlare di cose lontanissime da noi, ma non è così. Oggi la nostra Guerra si chiama egoismo, indifferenza, superficialità. Crediamo che se stiamo bene noi, nulla e nessuno può disturbare la nostra serenità. Il nostro 4 novembre oggi si chiama solidarietà, fratellanza, disponibilità, accoglienza. Non sono concetti astratti, ma sono invece i concetti sui quali si fonda la nostra Costituzione repubblicana, la stella polare del nostro vivere quotidiano».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore