Il Rally del Rubinetto è un affare di famiglia

Simone Miele (con Roberto Mometti) vince la gara piemontese e sale sul podio con papà Mauro, terzo assoluto

simone miele rally

Primo e terzo, ma anche primo-e-primo in due diverse prove speciali terminate con il medesimo tempo. Il “Rally del Rubinetto” che si è disputato nella zona di San Maurizio d’Opaglio nello scorso fine settimana è stato un “affare di famiglia”, inteso come la famiglia Miele da Olgiate Olona.

Simone (foto in alto di L. Roncari/VN) – il figlio – e Mauro – il padre – volti notissimi agli appassionati di motori hanno ottenuto rispettivamente il primo e il terzo posto nella classifica assoluta della gara novarese (tra i due si è inserito il francese Anthony Puppo su Skoda Fabia R5), disputata da protagonisti assoluti.

Simone, che si è presentato al “Rubinetto” con i crismi del campione in carica, ha confermato i pronostici a bordo della Ford Fiesta WRC (abitacolo condiviso con Roberto Mometti) vincendo sei delle dieci prove in programma. Due delle quali con lo stesso tempo di papà Mauro (Citroen DS4 WRC con Luca Beltrame), nel pieno della seconda giovinezza agonistica visto che la carta d’identità – solo quella – dice «62».

Il “Rubinetto” si è confermata gara selettiva, tanto che a farne le spese sono stati due grossi calibri al via. Davide Caffoni, sempre temibile sulle strade piemontesi, si è dovuto ritirare per un’uscita di strada sulla PS5, Corrado Pinzano ha chiuso al quinto posto (dopo essere stato a lungo secondo) per una “escursione” costata circa 2′.

«Ho coronato un sogno che avevo sin dalla mia infanzia; ho vinto la gara “quasi di casa” e sul podio con me c’è mio padre Mauro, colui che mi ha trasmesso questa fantastica passione» è il commento finale di Simone Miele, al terzo successo assoluto del 2018.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore