“Ci aggiorniamo- dipendenze croniche di massa”, in scena Germano Lanzoni

Lo spettacolo è in scena il 20 marzo, alle 21 al Teatro Giuditta Pasta

Tempo libero generica

Solo in scena, accompagnato unicamente dalla chitarra del maestro Orazio Atanasio, per raccontare dell’uomo contemporaneo alle prese con le “dipendenze” che accompagnano, anche senza volerlo, le nostre scelte quotidiane: la smania del successo e del guadagno, il divertimento obbligatorio, la droga del sesso, la dipendenza dalla frenesia cittadina e tanto altro. Scenografa obbligata: i pregi e i difetti di Milano.

Germano Lanzoni dopo il debbuto milanese arriva a Saronno con lo spettacolo “Ci aggiorniamo- dipendenze croniche di massa” con la regia di Walter Leonardi (che firma con Lanzoni la drammaturgia), proddotto dalla Buster, piattaforma di servizi per lo spettacolo dal vivo che negli ultmi anni ha curato molti degli spetaccoli teatrali dei protagonisti della nuova scena comica italiana.

Ispirandosi alla grandissima tradizione comica degli anni sessanta/settanta (da Walter Valdi a Giorgio Gaber) Germano Lanzoni conduce il pubblico con ironia e sarcasmo nel suo mondo e lo obbliga a ridere anche e soprattuto di se stesso, senza cattiveria ma solo con una buona dose di umorismo. Non mancano i racconti personali e i riferimenti agli stereotipi della più bieca milanesità a cui si aggiunge una grandissima parte di pura improvvisazione come si conviene alla scuola comica da cui Lanzoni proviene.

Lo spettacolo è in scena il 20 marzo, alle 21.

INFORMAZIONI E BIGLIETTERIA
TEATRO GIUDITTA PASTA Via I Maggio, snc Saronno (VA)
Biglieteria tel. 02.96.70.21.27
bigliet on line: www.teatrogiuditapasta.it
PREZZI: Poltronissima 25 euro – Poltrona 20 euro (+ prevendita)

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 15 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore