Canottaggio, le società uniscono le forze per un grande 2019

Grazie al lavoro di Varese Sport Commission Varese, Gavirate, Corgeno e Luino hanno creato un calendario unico di gare. Clou: la Coupe de la Jounesse

Sarà un 2019 molto importante per il mondo del Canottaggio in provincia di Varese. Un calendario intenso attende la stagione calda e i laghi del nostro territorio con ben 24 eventi remieri da aprile a dicembre, due dei quali internazionali. Le tappe più importanti saranno la Regata internazionale Pararowing a Gavirate (17-19 maggio), i Campionati Italiani di Varese (7-9 giugno) e la Coupe de la Jeunesse a Corgeno (2-4 agosto), vero fiore all’occhiello di questo 2019 sul nostro territorio.

La presentazione della stagione si è svolta questa mattina, mercoledì 8 maggio, a Ville Ponti, ospiti della Camera di Commercio di Varese e della Varese Sport Commission, regista di questa sinergia tra società canottiere. Le parole del direttore Mauro Temperelli sottolineano l’importanza di sostenere queste manifestazioni: «Questa giornata ci permette di dire un grosso grazie alle società, che più i tutti sono artefici del fenomeno canottaggio che genera un volume economico non indifferente. Come Varese Sport Commission stiamo cercando di tenere assieme questo patrimonio di forze e risorse. Questo genera attrattiva sul nostro territorio. Abbiamo stimato circa 50 mila presenze per il 2018 e stimate per il 2019, pensando a un incremento per il 2020. I dati raccolti da Camera di Commercio sulle presente turistiche, ci fa dire che nelle giornate sportive, canottaggio e ciclismo in particolare, ci sono picchi che nessun altro evento riesce a generare. Dobbiamo quindi ringraziare le società del nostro territorio e cercheremo di andare avanti su questa strada». canottaggio 2019 varese sport commission

Luca Broggini, promoter del settore canottaggio per la Varese Sport Commission: «Avere le istituzioni impegnate attivamente è un po’ un sogno che si avvera. L’obiettivo è stato quello di riunire le società per costruire un calendario condiviso, prendendo i singoli eventi e metterli in un raccoglitore comune. Sono onorato di poter dare una mano perché remando assieme possiamo far crescere ancora di più una provincia che è già invidiata a livello nazionale per i laghi, per gli eventi e per la preparazione agonistica. Insieme si può fare ancora di più».

Pierpaolo Frattini in rappresentanza della Canottieri Varese: «Quando abbiamo parlato la prima volta di organizzare un calendario condiviso sembrava quasi fantascienza, invece siamo qui oggi ed è quasi una data storica. Sicuramente la nostra attività sul territorio è invidiata e presa a modello da tutto il mondo remiero italiano e internazionale. Alla Schiranna ospiteremo il Campionato Italiano a giugno, con copertura Rai, e il nostro territorio potrà ancora una volta raggiungere il grande pubblico».

Giorgio Ongania, presidente della Canottieri Gavirate, sarà uno dei primi impegnati con la Regata Internazionale Pararowing di metà maggio: «Abbiamo 7000 mila atleti che vengono a fare allenamenti da noi grazie al lavoro che facciamo ogni giorno. Tutto il movimento che si sta muovendo alla fine porta risultati concreti. Organizzare gare così importanti si rischia di abbandonare il piacere del remo e diventare schiavi dl dovere. Ecco perché ci tengo a ringraziare tutti i volontari».

Il presidente della canottieri Corgeno Giovanni Marchettini organizzerà invece la Coupe de la Jounesse, evento giovanile più importante d’Europa, per la prima volta in diretta Rai: «Per noi ospitare questa competizione è un grosso impegno ma dal grande valore. Lavoriamo per poter mantenere lo standard qualitativo organizzativo altissimo, come fatto in altre manifestazioni. Il lavoro della Varese Sport Commission è quello che serviva per migliorare».

Luigi Manzo della Canottieri Luino punta in alto: «Il Maggiore non ha nulla a che vedere con gli altri laghi. Stiamo lavorando molto sul concetto di remo-turismo. I turisti che vengono sul nostro territorio rimangono incantati dalla bellezza. Vorremmo ricandidarci per ospitare un Rowing Tour sul Maggiore e un mondiale di costal Rowing. Stiamo lavorando con gli svizzeri per organizzare una vogalonga internazionale. Come canottieri Luino siamo cresciuti creando il settore canoa».

canottaggio 2019 varese sport commission

Luciano Magistri, vicepresidente della Federazione Italiana Canottaggio: «Va tutto bene però non bisogna dormire sugli allori. Mi permetto un piccolo consiglio: la giusta programmazione è alla base del buon esito di un evento. Bisogna quindi remare tutti dalla stessa parte. Un evento che dobbiamo assolutamente portare a Varese è l’assemblea degli allenatori».

Fabrizio Quaglino, presidente della Fic Lombardia: «L’importanza del lavoro fatto a Varese ha avuto un effetto domino per tutto il movimento. Siamo una grande squadra e questo non può che migliorare tutto il movimento».

Viviana Bruni del settore sedile fisso: «Sono cresciuta su questi laghi e ho ricordi bellissimi. Varese è una certezza, soprattutto per il sedile fisso di Corgeno. Ringrazio tutti e in particolare al territorio».

Non resta quindi che mettersi comodi e gustarsi questa stagione del canottaggio, che si annuncia di grande impatto e che porterà ad un 2020 ancora più importante.

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 08 Maggio 2019
Leggi i commenti

Video

Canottaggio, le società uniscono le forze per un grande 2019 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore