Sea plaude alle Olimpiadi: “Occasione per migliorare l’accesso a Malpensa”

Il commento "a caldo" di Alessandro Fidato, direttore della società di gestione degli aeroporti milanesi, nel corso di un incontro sul territorio

Assemblea Lonate Sea

La notizia arriva quando si sta aprendo l’assemblea sul “bridge” di Linate: le olimpiadi invernali 2026 vengono assegnate a Milano e Cortina.

«Una bella notizia, potranno essere occasione per risolvere i problemi di accessibilità di Malpensa, che è il tallone d’Achille del nostro aeroporto» ha subito commentato l’ingegner Alessandro Fidato, direttore (airport management director, a sinistra nella foto) di Sea.

Sul piano dell’accessibilità molto è stato fatto, sia sull’accesso stradale che su quello ferroviario. Paradossalmente, l’ingresso stradale risente ancor oggi delle origini della superstrada 336, creata per i Mondiali d’Italia ’90 e caratterizzata da vincoli problematici (come corsie d’immissione corte e assenza di corsia d’emergenza su un tratto significativo, zona Busto-Gallarate). Sul versante stradale è aperto oggi soprattutto il progetto Anas della variante SS341 Pedemontana-Gallarate-Samarate-Vanzaghello-Malpensa.

Quanto alla ferrovia, i collegamenti sono numerosi ma poco coerenti, frutto di uno sviluppo non sempre lineare. Sea, insieme a Fnm, è  attualmente proponente della nuova ferrovia Gallarate-Malpensa T2, secondo accesso, da Est e da Nord, allo scalo.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 24 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore