Azienda abusiva, sospesa l’attivita’

Diverse irregolarità riscontrate dai carabinieri di Saronno e dai colleghi dell’ispettorato del Lavoro

Avarie

Nella giornata di mercoledì i carabinieri della Compagnia di Saronno e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Varese hanno eseguito un accesso ispettivo all’interno di un’azienda di Castiglione Olona dedita alla raccolta e al trattamento di rifiuti plastici. Dall’attività è emersa subito la presenza di cinque operai, di cui uno clandestino, tutti non assunti regolarmente, che prestavano il loro servizio all’interno del sito aziendale in totale difformità dalle normative in materia di sicurezza sul luogo del lavoro.

Numerose le contestazioni, quasi tutte di carattere penale, elevate nei confronti dei due titolari (un italiano e un marocchino) delle ditte alle dipendenze delle quali lavoravano i cinque operai.Entrambi quindi sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Varese. Priva di ogni autorizzazione l’attività di raccolta e trattamento di materia plastica rinvenuta nei capannoni.

Le contestazioni vanno dall’intermediazione illecita con conseguente sfruttamento del lavoro, alla violazione di gran parte delle norme che regolano la sicurezza e la salubrità sul luogo del lavoro. Gli impianti erano privi di ogni certificazione e gli operai non erano tutelati da alcuna forma di garanzia. Peraltro le due ditte interessate all’accertamento avevano oggetto sociale totalmente difforme rispetto alla reale attività aziendale riscontrata.

Dei cinque lavoratori irregolari, tre erano stranieri di origini magrebine.

I militari hanno subito sospeso l’attività e inibito ogni possibile accesso all’azienda. Saranno eseguiti ulteriori accertamenti, già avviati dai carabinieri forestali e da personale dell’ATS, per valutare l’impatto ambientale dell’attività abusiva. Durante il controllo hanno operato anche gli agenti della Polizia Locale di Castiglione Olona per le materie di loro competenza.

L’importo della ammende pecuniarie nel totale è pari a circa 100mila euro, mentre di circa 22mila euro è quello delle sanzioni amministrative.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore