Cinema, negozi e centro sportivo: ecco il piano per la ex-Mizar

Presentato il progetto per il recupero dell'area ex Mizar, 70.000 metri quadri nei quali si punta a realizzare un vasto intervento dedicato a commercio, cinema e sport

piano ex mizar busto arsizio

Un grande cinema multisala, spazi per negozi, capannoni per attività produttive e aree sportive. C’è tutto questo nel futuro della ex Mizar, la grande area industriale che si affaccia sul sempione e che da anni è completamente abbandonata. Nei giorni scorsi la società Sitip di Cene (Bergamo) ha infatti depositato in comune il progetto tanto vociferato in passato per recuperare un’area da più di 70.000 metri quadri.

IL PROGETTO

L’intervento si articola in quattro diversi lotti. Nella parte dove ancora oggi campeggia la grande insegna Mizar sorgeranno quattro diverse strutture con un viale centrale. La più grossa -più di 4.000 metri quadri- sarà destinata al commercio e nella stessa categoria rientrerà una più piccola da 900. Le altre due saranno di dimensioni diverse -2.500 e 450 metri quadri- e destinate al settore food e ristorazione. Alle spalle di questo lotto, nella fascia di capannoni che corrono fino alla ferrovia sorgerà un mix di edifici: ci saranno due aree destinate all’industria, un poliambulatorio, una farmacia, un paio di edifici commerciali e anche una struttura sportiva con tre diversi campetti da gioco.

Lo spazio per il multisala sarà a sinistra di tutto questo. Occuperà una superficie di 3.700 metri quadri e avrà accanto un’altra area destinata alla somministrazione da 700 metri quadri oltre ad un piccolo laboratorio industriale da 350 metri quadri. Andando ancora più verso sinistra ci sarà uno spazio verde, oltre ai parcheggi. Sono infatti tante le aree di sosta previste dal progetto. Ogni struttura sarà circondata da posteggi e nel calcolo totale se ne conteranno più di 1.000 (clicca qui per vedere la planimetria ingrandita).

VIABILITA’

Un grande progetto che -naturalmente- avrà impatti sulla viabilità di una zona già congestionata e che presto potrebbe vedere aggiungersi anche l’ospedale unico tra Busto e Gallarate. Lo studio viabilistico realizzato dai progettisti stima flussi di traffico massimi di 778 veicoli all’ora nell’orario di punta della giornata di venerdì e 865 veicoli nell’ora di punta del sabato. Per assorbirli si prevede dunque la formazione di una rete stradale di supporto al tracciato del Sempione che riconnetterà la viabilità esistente e che permetterà di accedere agli ingressi delle diverse attività previste.

rotonde ex mizar

Sul Sempione si procederà con la formazione di due nuove rotatorie oltre ad alcuni interventi a quella già esistente di via Minghetti (dove si affaccia il Palaghiaccio, ndr). In quest’ultima verrà realizzato un nuovo svincolo che connetterà ad un nuovo controviale tutto da costruire. La prima delle due nuove rotonde sorgerà invece all’incrocio tra via San Gottardo e via Cascina dei Poveri mentre la seconda all’altro ingresso di via San Gottardo (poco prima dei Vigili del Fuoco, ndr).

I PROSSIMI PASSI

L’iter istituzionale per l’approvazione del progetto è ufficialmente iniziato e tutti i documenti sono pubblicati sul sito del comune (clicca qui per accedere alla sezione). Chiunque avesse osservazioni potrà presentarle entro il 12 agosto all’ufficio protocollo del comune di Busto

Marco Corso
marco.corso@varesenews.it

Cerco di essere sempre dove c’è qualcosa da raccontare o da scoprire. Sostieni VareseNews per essere l’energia che permette di continuare a farlo.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.