Reddito di cittadinanza e niente lavoro? “Abbiamo pulito un parco”

L'appello di Clara per "fare qualcosa" mentre riceve il reddito di cittadinanza è stato raccolto da diversi cittadini di Gallarate (anche da chi un lavoro ce l'ha)

pulizia parco reddito di cittadinanza

L’esempio di Clara è stato seguito da altre persone. Nella mattina di giovedì 7 ottobre la mamma 37enne, estetista e disoccupata da 4 anni, si è presentata puntale al parco pubblico di viale Milano, dove ad attenderla c’erano il sindaco Andrea Cassani e l’assessore Claudia Mazzetti. Si erano dati appuntamento per ripulire il giardino pubblico. “Datemi un modo per restituire qualcosa alla città, dal momento che pur ricevendo l’assegno del reddito di cittadinanza ancora non mi è stata assegnata alcuna mansione”, questo l’appello di Clara di qualche giorno fa, subito raccolto dal primo cittadino.

La giovane mamma di Madonna in Campagna non era sola in viale Milano: altri come lei hanno voluto “sdebitarsi” e altri ancora, pur non ricevendo l’aiuto economico statale, hanno comunque voluto contribuire a rendere più decoroso un angolo della città. 

C’erano Eleonora, 37 anni, cameriera gallaratese disoccupata, madre single di tre figli: per lei il reddito di cittadinanza significa 936 euro al mese, 500 dei quali vanno via solo per l’affitto. E poi Norberto, 53 anni, senza lavoro da sette anni, da quando ha dovuto chiudere il suo negozio di francobolli e monete, a lui lo Stato riconosce 500 euro mensili: «Sono qui per aiutare, ma anche per darmi uno scopo, per sentirmi ancora utile». Al loro fianco altri due gallaratesi: Salvatore di 50 anni e il 60enne Luigi. Ma anche uno studente, Edoardo di 25 anni, e il pensionato Enio, 72 anni, ex dirigente di una compagnia aerea: hanno semplicemente letto da qualche parte dell’iniziativa e hanno deciso di collaborare alla pulizia del parco: «Siamo pronti a tornare. Anzi, sarebbe bello organizzarci tra di noi».

“Ho il reddito di cittadinanza, fatemi fare qualcosa”. E adesso chiama a raccolta gli altri

Il sindaco Cassani e l’assessore Mazzetti, non sono rimasti a guardare: “armati” di guanti e rastrello hanno dato il loro contributo. «Ringrazio chi oggi e venuto qui» ha detto il primo cittadino mentre l’esponente della sua giunta ha ribadito la disponibilità dell’amministrazione a sostenere altre iniziative come quella di oggi: «Continueremo a fornire il materiale necessario e nel caso ci venga richiesto, indicheremo le zone da ripulire. Comunicheremo date e luoghi attraverso i media locali e quelli del Comune». 

Clara non se l’è fatto ripetere due volte: da settimana prossima ogni martedì, giovedì e venerdì (per un totale di otto ore) si metterà nuovamente a disposizione: «Mi auguro che si presenti ancora chi è venuto qui oggi e che a noi si aggiungano altre persone».

Reddito di cittadinanza, ecco i beneficiari comune per comune

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.