Bambole di stoffa per combattere la violenza

Sono le bambole realizzate dalle ospiti della casa rifugio della fondazione Felicita Morandi, donne (e a volte anche minori) che hanno subito violenza e che vivono riparate. Saranno in vendita per sostenere progetti contro la violenza sulle donne

Le bambole anti violenza

Sono delle bamboline tenere, fatte con materiale di recupero: ci sono angioletti, pronti per le giornate di Natale e sposini giusti per una cerimonia.

Galleria fotografica

Le bambole anti violenza 4 di 10

Ma la loro storia è ancora più bella e commovente: sono le bambole realizzate dalle ospiti della casa rifugio della fondazione Felicita Morandi, donne (e a volte anche minori) che hanno subito violenza e che vivono riparate «Per una media di circa 45-50 giorni».

Passare tanti giorni in una casa senza uscire, per non correre rischi di nuove violenze, può essere davvero pesante: così, le volontarie hanno pensato ad alcuni corsi e a un laboratorio, che è arrivato alla creazione di queste bamboline, che ora vengono messe in vendita per finanziare le attività dei centri antiviolenza.

A farlo saranno alcuni negozi e associazioni della provincia, e nei gazebo aperti nei giorni intorno alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Per maggiori informazioni o acquisti, si può chiedere a Fondazione Felicita Morandi.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 19 novembre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Le bambole anti violenza 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore