Quantcast

Lonate rilancia il controllo di vicinato (e aggiunge una app)

Una ventina i gruppi attivi, alcuni dei quali arrivano a decine di famiglie coinvolte. Ora si aggiunge la app che migliorerà la comunicazione con la Polizia Locale

Generico 2018

Lonate Pozzolo rilancia il controllo di vicinato, anche con una nuova app che consentirà di inviare le segnalazioni direttamente dal cittadino alle forze dell’ordine.
È stato annunciato nel corso della serata dedicata, giovedì 12 dicembre.
Il progetto del Controllo del Vicinato  è partito nel Comune già da tempo ma certamente ha necessità di essere rivitalizzato perché, dato il tempo trascorso, deve essere promosso nuovamente tra la cittadinanza per farlo conoscere e verificare la possibilità di nuove adesioni».
Durante la serata si è rimarcato quanto il progetto sia utile per tutti e si è dibattuto liberamente in modo da portare proposte concrete e realizzabili fin da subito.

«Il controllo del vicinato ha una valenza fondamentale perché fa rivivere quello spirito di solidarietà e di comunità dei vecchi cortili» spiega la sindaca di Lonate Pozzolo Nadia Rosa. «I vicini di quartiere hanno la possibilità di collaborare e creare una vera comunità, dove gli uni si prendono cura degli altri in maniera volontaria e disinteressata. Dove viene realizzato bene il controllo del vicinato viene dato valore all’interesse comune più che a quello individuale».

«Il progetto del vicinato ha bisogno di nuova linfa» continua il comandante della Polizia Locale Emanuele Mattei. «È importante per accrescere una comune percezione di sicurezza. E’ un utile strumento per avvicinarsi a un livello standard di sicurezza maggiore».
Lo scorso 2 ottobre è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra Prefettura e una sessantina Comuni della Provincia di Varese, con l’adesione di Questura, Carabinieri e Guardia di Finanza.
La Prefettura ha promosso tale protocollo con l’obiettivo di condividere delle linee guida omogenee tra tutte le amministrazioni comunali. Il Comune di Lonate ha aderito a tale protocollo avendo già attivo il controllo di vicinato sul territorio e, peraltro, applicando già le linee guida suggerite.
Il comandante ha perciò illustrato il contenuto del protocollo, sottolineando in particolare il ruolo del cittadino: il cittadino fa parte integrante della sicurezza. Ha un suo compito, che è di osservazione e non di intervento, perché non si sostituisce alle forze dell’ordine, ma dà un contributo fondamentale alla conservazione della sicurezza di tutti.

È stato poi annunciato il prossimo acquisto di una app che permette delle segnalazioni più pertinenti e geolocalizzate che potranno dare un valore aggiunto al controllo del vicinato, migliorando le comunicazioni che attualmente sono gestite tramiti gruppi di Whatsapp.
Con questa app, gratuita per i cittadini e scaricabile da tutti, aderenti o meno al controllo del vicinato, la Polizia Locale potrà meglio gestire le segnalazioni che perverranno.

È seguito infine un dialogo tra comandante e i referenti presenti, sia perché il comandante arrivato di recente potesse conoscere di persona i referenti, sia per confrontarsi sui lati positivi e negativi rilevati in questo periodo di attivazione del controllo di vicinato, in modo da migliorare sempre di più il progetto. Questo è stato solo un primo incontro, che vuole gettare le basi di una rinnovata collaborazione tra cittadini, oltre alla collaborazione con la Polizia Locale e le istituzioni. Si organizzerà presto un incontro riservato ai referenti e verrà poi presentata con maggiori dettagli la app che tutta la cittadinanza potrà utilizzare, anche per segnalazioni di buche, rifiuti e così via, oltre che per auto sospette, tentati furti ecc.

Le zone di controllo del vicinato attualmente sono una ventina con dimensioni diverse l’una dall’altra: si va da zone con una ventina di famiglie coinvolte ad altre che raggruppano anche 70 famiglie sotto un unico referente. In tutti i casi comunque la collaborazione tra cittadini, referenti e Polizia Locale è continua e puntuale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore