Chiesa gremita per l’ultimo saluto a Giuliano Predolini

L’operaio era rimasto vittima di un incidente nell’azienda svizzera in cui lavorava

Gemonio generica

In tantissimi hanno voluto dare l’ultimo saluto presso la Chiesa parrocchiale di San Rocco a Gemonio a Giuliano Predolini, l’operaio di 45 anni rimasto vittima di un incidente sul lavoro martedì scorso in Svizzera.

Tanta commozione durante la cerimonia officiata da Don Silvio Bernasconi che durante l’omelia si è rivolto con parole dolci alla figlia più grande, alla quale toccherà raccontare al fratellino di pochi anni chi era e come era il suo papà. Il parroco ha ricordato anche l’onestà e la semplicità di Giuliano, conosciuto da tutti come “Vincenzo” tanto che pochi giorni prima di morire si era offerto di prestare il proprio aiuto per le attività dell’oratorio.

Le cerimonia si è conclusa con la lettura molto commovente di un messaggio della moglie, letto dal cugino Flavio, e della cognata che ha ricordato quanto Giuliano fosse un punto di riferimento per tutta la famiglia.

Un lungo corteo ha poi accompagnato il feretro fino al cimitero.

Negli ultimi giorni tutta la comunità di Gemonio si è stretta attorno alla moglie Francesca e ai figli.

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore