Due parti in ambulanza nel giro di poche ore

Maschietti con la fretta di nascere nel Pavese, e nel Comasco. La soddisfazione dei soccorritori

Avarie

Ore 03:06 Sannazzaro Dè Burgondi, Cascina Malaspina, provincia di Pavia: una donna di 37 anni ha le doglie, le si rompono le acque e cominciano le contrazioni: parto imminente.

Viene chiamato il 118 che invia sul posto un’ambulanza dove pochi minuti dopo, alle 03:20 nasce J.M.: è in ottime condizioni e con la mamma è stato trasferito al San Matteo.

I due protagonisti sono stati assistiti dai volontari della Croce D’oro di Sannazzaro e successivamente dal personale dell’auto con infermiere di Mede. L’immagine che pubblichiamo mostra i volti dei soccorritori, felici ma stanchi (nella foto, l’equipaggio dell’ambulanza e dell’automedica che ha operato l’assistenza).

Poche ore dopo nella vicina provincia di Como ecco un altro parto in ambulanza. Stavolta è successo alle 07:59 Cantù, via Papa Giovanni 23 quando S. C. donna di 32 anni ha partorito un altro splendido bambino, G. M. Mamma e piccolo sono stati accompagnati all’ospedale Sant’Anna di Como a bordo dell’ambulanza della Croce Rossa Italiana di Cantù.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.