Gruppo di studenti del Candiani contro la preside: “La scuola educa, non arresta”

Una cinquantina di studenti ha srotolato lo striscione all'ingresso della scuola contro la denuncia di uno studente che era stato pizzicato con alcune dosi di marijuana a scuola

liceo crespi liceo candiani itis facchinetti

Un gruppo di una cinquantina di studenti appartenenti al collettivo studentesco del liceo artistico Paolo Candiani di Busto Arsizio ha manifestato contro la dirigente scolastica rea, a loro dire, di aver chiamato la Polizia per fermare un’attività di spaccio di marijuana messa in atto da uno studente nelle scorse settimane, fuori dalla scuola.

Piccolo spaccio al liceo Candiani, tre denunciati

Il gruppo di studenti ha srotolato uno striscione con scritto “La scuola educa e non arresta” per protestare contro la scelta di coinvolgere le forze dell’ordine nella vicenda. Vicenda che portato alla denuncia dello studente ma anche di altre due persone, padre e figlio, accusati di essere i fornitori della sostanza al giovane.

La protesta è stata messa in atto al momento dell’ingresso a scuola ed è poi subito rientrata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore