La primaria di Capolago avrà la sua classe prima

La riunione tra il Sindaco Galimberti, il dirigente dell'Us Carcano e la preside Rossi ha permesso di trovare la soluzione al problema delle poche iscrizioni

scuola baracca varese

Un impegno corale per non far morire la scuola del quartiere.

Istituto comprensivo, Comune e Ufficio scolastico hanno trovato una soluzione per garantire la prima classe alla primaria Baracca di Capolago. L’annuncio arriva dopo un incontro tenuto questa mattina a Palazzo Estense.

«Assicuriamo l’attivazione della classe – ha affermato il sindaco Davide Galimberti – perché la scuola rappresenta un importante elemento di vivacità per Capolago. Da due anni, inoltre, nella struttura è partito il cosiddetto ‘tempo pieno’ di quaranta ore, un sistema nel quale crediamo molto; per continuare a garantirlo ci sarà un impegno diretto del Comune e della dirigenza scolastica».

Una soluzione nonostante i numeri? Al 31 gennaio scorso, le domande di iscrizione alla prima erano solo 13, due in meno rispetto ai requisiti minimi imposti dal Ministero per poter attivare la classe: « Ci siamo confrontati e condiviso un progetto che, sono sicura, permetterà di raggiungere i numeri richiesti – assicura la dirigente dell’Istituto comprensivo Varese 5 Maria Rosa Rossi – È un chiaro esempio di sussidiarietà, con tutti gli attori coinvolti uniti attorno a un tavolo e pronti a recepire le istanze dei cittadini».

La notizia della mancata attivazione della classe aveva già riscosso grande preoccupazione tra i genitori, pronti a riunirsi lunedì prossimo in assemblea pubblica: « Abbiamo ascoltato le istanze dei residenti – chiarisce la preside – e abbiamo capito le difficoltà. Per almeno sei famiglie, non c’erano alternative a questa scuola. Così ci siamo impegnati prendendoci ciascuno qualche rischio».

I dettagli dell’accordo verranno spiegati più avanti quando tutti i passaggi verranno ultimati. Soddisfatti del risultato anche il dirigente dell’Ufficio scolastico di Varese Giuseppe Carcano: «È un bel modo di fare sistema tra le istituzioni. L’obiettivo è comune e l’impegno è di tutti», e il consigliere comunale Alessandro Pepe: «Ancora una volta, l’amministrazione comunale si conferma vicina ai quartieri. Ne sa ascoltare richieste e osservazioni e, con la cooperazione di tutti, trova soluzioni efficaci».

di
Pubblicato il 20 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore