Vacanze in bicicletta: chi sono e come si muovono i turisti sulla due ruote

Mercoledì 8 luglio alle 17, l'Università dell'Insubria presenta in un webinar aperto a tutti i risultati di un'indagine su un campione di 940 ciclisti

viaggio bicicletta

Per la prima volta la parola ai cicloturisti italiani che, sulla base delle loro esperienze di viaggio in bicicletta, raccontano scelte, abitudini ed esigenze di chi in vacanza si sposta sulle due ruote.

Si è conclusa l’Indagine nazionale sul cicloturismo in Italia realizzata da un gruppo di economisti dei trasporti coordinati da Elena Maggi, delegata del rettore Angelo Tagliabue per lo sviluppo sostenibile e mobility manager dell’ateneo, in collaborazione con FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta e condotta online su un campione di 940 persone.

Ne è emerso che i cicloturisti italiani viaggiano principalmente in coppia o in gruppo con amici; pedalano in Italia (57%), soprattutto nel Nord-Est (Veneto e Friuli in testa) e all’estero con preferenza per i Paesi di prossimità (Austria, Germania, Francia); scelgono bed & breakfast e hotel per soggiorni medi di 5 notti; spendono mediamente 65 euro al giorno.

La presentazione completa dell’indagine, con l’analisi dei dati emersi, mercoledì 8 luglio alle 17 in un webinar aperto a tutti:

https://www.uninsubria.it/notizie/presentazione-risultati-dellindagine-nazionale-sul-cicloturismo

https://www.uninsubria.it/cicloturismo2020
Intervengono: Elena Maggi (Delegata del rettore per lo sviluppo sostenibile, Università dell’Insubria), Daniele Crotti (Assegnista di ricerca – Dipartimento di Economia, Università dell’Insubria), Antonio Dalla Venezia (FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta), Paolo Pinzuti (Bikeitalia), Matteo Montebelli (Touring Club Italiano).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore