Quantcast

A Busto Arsizio un gruppo di adolescenti compie atti di bullismo su due anziani

Un gruppo di ragazzi e ragazze tra i 13 e i 15 anni ha rivolto urla offensive, sputi e frasi di scherno a un disabile 70enne e a un'altra persona corsa in suo aiuto

commissariato polizia busto arsizio volante

Urla offensive, sputi e frasi di scherno sono state rivolte da un gruppo di adolescenti a un disabile 70enne. Un fatto grave avvenuto sabato scorso nel pieno centro di Busto Arsizio. Protagonisti di questa brutta storia sono ragazzi e ragazze di età compresa tra i 13 e i 15 anni . I giovani hanno continuato a infierire verbalmente sull’uomo, anche dopo l’intervento a sua difesa da parte di una seconda persona divenuta anch’essa oggetto di sputi e insulti. Come se non bastasse, una donna dichiaratasi zia di una dei minorenni ha avvicinato con fare aggressivo il secondo uomo chiedendogli spiegazioni. C’è voluto l’intervento della Volante della polizia per interrompere l’atto di bullismo collettivo ai danni dei due anziani.
La donna, appena identificata dagli agenti, si è allontanata disinteressandosi della presunta nipote, rivelatasi poi una semplice conoscenza. I minori sono stati tutti accompagnati al commissariato di via Foscolo dove sono stati identificati e affidati ai genitori, nel frattempo chiamati per recuperare i figli.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    E se quelli sono i figli vorrei proprio conoscere i genitori compresa la presunta zia della inesistente nipote.
    La società della fantastica vita social piena di giornate perfette o “amazing” sta producendo cittadini lobotomizzati da un rapido degrado umano che produrrà danni incalcolabili.
    Una volta gente del genere si mandava in guerra sperando che almeno lì facesse qualcosa di buono. Oggi purtroppo ci tocca tenerli e mantenerli a spese della società.

Segnala Errore