Rappresentanza di genere: la Radiotelevisione svizzera punta alla parità

Migliorano i risultati del monitoraggio sulla rappresentanza di genere nell’offerta della Rsi, "ma - dice il direttore Canetta - c'è ancora molto da fare"

parità uomo donna

Sono stati presentati ieri i risultati del secondo monitoraggio dedicato alla rappresentanza di genere nell’offerta di programma della Radiotelevisione della Svizzera italiana, curato dalla Supsi e coordinato da Amalia Mirante, al Comitato del Consiglio regionale e al Consiglio del Pubblico della CORSI, da sempre particolarmente attenta e sensibile al raggiungimento dell’obiettivo SSR “50:50”, ovvero la parità tra donne e uomini tanto nella conduzione che tra gli ospiti di tutti i suoi programmi.

Il monitoraggio ha preso in considerazione 120 programmi radio e tv, per un totale di 3.916 puntate diffuse tra ottobre e dicembre 2019. Non sono stati considerati l’offerta online, i programmi d’acquisto (fiction e serie TV) e, nell’ambito dell’Informazione, sono state considerate  solo le conduzioni, non i singoli servizi.

I risultati

I risultati evidenziano un miglioramento rispetto al 2017, ma non ancora sufficiente.

Le conduzioni femminili sono state 1.710 (35.3%), quelle maschili 3.128 (64.7%). Percentuali simili anche nel rapporto tra ospiti femminili e maschili all’interno dei programmi: 36.6% contro 63.4%. In Televisione, rispetto ai risultati del 2017, si registra una lieve diminuzione delle conduzioni femminili, al 40,3% (- 3.7%). Aumenta per contro sensibilmente la presenza di ospiti femminili, dal 25.9% al 35.4% (+ 9.5%).

In radio le conduzioni al femminile sono il 33.6%, in lieve flessione (0.8 punti) rispetto al 2017. Si segnala invece un leggero aumento della presenza di donne in trasmissione: dal 34.7% del 2017 al 37.1% del 2019 (+ 2.6%).

Quanto alle singole reti, importante l’aumento di presenze al femminile – tanto in conduzione (33%, + 5.6%) che tra gli ospiti (40%, + 5.9%) – a Rete Due. Rete Tre peggiora invece la rappresentanza femminile al proprio interno: in conduzione si attesta al 28.4% (-9.4 % rispetto al rilevamento precedente) e in ambito ospiti donna al 31.8% (- 6,5%).

«È un punto di partenza – ha detto Maurizio Canetta, Direttore della Rsi – ma per raggiungere una più solida rappresentanza di genere, in grado di rispecchiare meglio la situazione e i numeri del nostro Paese c’è ancora molto da fare. Il Comitato direttivo RSI ha pertanto deciso di introdurre ulteriori misure in grado di portare, nella nostra offerta, ad una più equilibrata rappresentanza di genere e, all’interno dell’Azienda, a una maggiore consapevolezza sui temi della diversità e dell’inclusione».

La Direzione Rsi ha quindi deciso di introdurre alcune misure, come l’inclusione della promozione della diversità, non solo di genere, tra gli obiettivi di tutto il personale responsabile delle redazioni e un coinvolgimento ancora più attivo delle istituzioni e delle associazioni professionali e di categoria della Svizzera italiana per ampliare il ventaglio di interlocutrici ed esperte.

Verrà inoltre effettuato un monitoraggio mensile dei dati che verrà messo a disposizione dei responsabili di tutte le redazioni. Si rafforzerà infine l’offerta formativa nel campo della comunicazione che già da vari anni Rsi propone nell’ambito del progetto Donne e Media.

Il monitoraggio sulla rappresentanza di genere alla Rsi da parte della Supsi proseguirà anche nel 2021.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.