Patto a cinque per il centrosinistra fagnanese

L’ampia coalizione registra il no di Siamo Fagnano, ma compatta insieme PD, Fagnano Bene Comune, Azione, M5S e Rifondazione Comunista. Parla l’attivista di Azione Davide Bevilacqua

Elezioni Fagnano Olona

A Fagnano c’è il sì di cinque formazioni a formare un fronte unito di centrosinistra in vista delle elezioni indette a seguito delle dimissioni del sindaco di centrodestra Maria Elena Catelli e del conseguente commissariamento comunale. A formare l’ampia coalizione ci sono PD, Fagnano Bene Comune, Azione, M5S e Rifondazione Comunista. L’attivista di Azione Davide Bevilacqua, già consigliere sotto la giunta Simonelli, poi candidato per Siamo Fagnano per le elezioni 2019, spiega come si è arrivati a questo accordo, rifiutato da Siamo Fagnano.

“Due anni fa, a seguito della sconfitta, il centrosinistra fagnanese si è spaccato, lasciando malessere diffuso e frammentazione. Una parte è rimasta con Simonelli e Fagnano Bene Comune, l’altra con Siamo Fagnano di Marco Baroffio – dice Davide Bevilacqua -. Io intanto mi iscrivevo ad Azione, la mia prima tessera di partito e incominciavo a frequentare le sue sedi provinciali, assieme ad Igor Zanella (altro componente attivo di Azione Fagnano). Da novembre 2020, come Azione, abbiamo iniziato a sostenere l’unità del centrosinistra, cercando un dialogo con PD e Bene Comune che invece a Baroffio non è mai piaciuta”. Sono problemi che si ripresentano sotto forme diverse in vari scenari della politica locale, come a Busto Arsizio, dove invece il fronte unito non si è costituito e corrono tre candidati di centrosinistra. Qui le cose sono andate meglio, ma uno strappo è comunque avvenuto.

“Io credo che andare contro ai partiti sia un po’ la moda del momento” continua Bevilacqua “e che al contrario ti possano dare preparazione e esperienze propedeutiche alla buona amministrazione, se vissuti in modo corretto. Catelli non ha mai avuto esperienze partitiche e si è visto nella totale mancanza di capacità gestionali. Dopo le sue dimissioni, appurata la contrarietà ai partiti di Siamo Fagnano, che vuole rimanere al 100% lista civica, ho scelto di separare i nostri percorsi politici”.
L’impegno per la mediazione non è però cessato, tanto che oggi la coalizione non si presenta come la somma di più partiti, ma come la lista del centrosinistra fagnanese. “Abbiamo raggiunto un accordo a cinque sulla base di valori e idee comuni, cercando di restare fuori da logiche di spartizione. Nessuno pianti bandierine. I nomi che proporremo saranno dettati dalla competenza, soprattutto quello del candidato sindaco: stiamo sondando personalità interne ed esterne, e speriamo di sciogliere il nodo entro due settimane. Rimane sicuramente un po’ di amarezza per non essere riusciti ad includere tutti, a maggior ragione analizzando la situazione politica in paese, dove il centrodestra presenterà gli stessi che si sono fatti commissariare per due volte ”.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.