Due appuntamenti con l’Orchestra della Svizzera italiana ad Ascona e Lugano

Il concerto dell'8 ottobre riproporrà gli stessi brani nel tabellone della prima rassegna del 1946. Il 16 ottobre si terrà invece un appuntamento dedicato alla musica da camera

orchestra della svizzera italiana

Venerdì 8 ottobre l’Orchestra della Svizzera italiana terrà in San Francesco ad Ascona alle 20.30 un ultimo appuntamento speciale: sotto la direzione di François Leleux e con i solisti Ricardo Castro e Gabriele Leporatti al pianoforte, l’Osi riproporrà lo stesso programma del concerto con cui il 25 aprile 1946 vennero inaugurate le Settimane musicali asconesi.

Spazio dunque a pagine di Vivaldi, Mozart, Schubert e Busoni, esattamente come riporta lo storico primo cartellone della rassegna. È possibile acquistare il proprio biglietto su www.osi.swiss.

Per gli appassionati della musica da camera, domenica 16 ottobre alle 15.45 si terrà il concerto In festo dedicationis Ecclesiae Cathedralis all’interno della cattedrale di San Lorenzo a Lugano, protagonisti gli archi dell’Osi insieme a Giulio Mercati al clavicembalo.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.