Torna Parola di Donna e mette in gioco la vita delle scienziate del JRC

Riparte con la quarta edizione di Parola di Donna  rassegna di teatro, musica, letteratura coniata al femminile nata nel 2019. Sei appuntamenti dal 5 ottobre al sei novembre

eventi Varese

Riparte con la quarta edizione di Parola di Donna  rassegna di teatro, musica, letteratura coniata al femminile nata nel 2019 sulla spinta delle due fondatrici e anime della rassegna Franca M. De MontiMarisa Coletta, rispettivamente direttrici artistica e organizzativa della manifestazione.

«Parola di donna nasce dall’esigenza di identificare una precisa scelta di campo e di raccontare la Donna, esplorando il mondo femminile attraverso varie forme di spettacolo, per promuovere una riflessione di carattere culturale che aiuti a contrastare ogni forma di strumentalizzazione e di discriminazione – ha sottolineato in apertura di presentazione Marisa Coletta – un cambio di rotta per costruire una società più consapevole e armoniosa, una società in cui oggi la donna vuole partecipare e contribuire alla rinascita come “protagonista”».

Una rassegna che fin dall’inizio aspirava a un progetto permanente, con appuntamenti annuali, per consentire un dialogo costruttivo con il pubblico: «E ora si può considerare realtà, visto che siamo alla quarta edizione con un importante successo di pubblico» ha commentato il sindaco Davide Galimberti.

«Sono incuriosito e affascinato dalle proposte che mostra la centralità della donna in spazi che non potevano occupare in passato, che si sono conquistate passo dopo passo – ha commentato l’assessore alla cultura Enzo Laforgia – E bellissima è la creazione di un prodotto originale grazie al centro di ricerca di Ispra»

Sono sei gli incontri di questa stagione, a partire dal 5 ottobre fino al 6 novembre, fra Salone Estense e Teatro Santuccio che, come nelle precedenti edizioni, ripropongono qualità, etoregeneità e presenze di prestigiosi esponenti del panorama artistico e culturale italiano. 

«Si comincia il 5 ottobre con canzoni pensate per le donne. Interprete giovanissima cantante, Angela Nobile, che ha vinto molti premi, e intramezzerà il canto con le poesie» ha spiegato Franca M. De Monti, che ha illustrato anche il resto del calendario che prevede tra l’altro anche un appuntamento pomeridiano con aperitivo finale offerto alla fine dello spettacolo: «Un modo anche questo di “vivere il teatro” come opportunità di condivisione, di partecipazione attiva e di dialogo, affinchè questi momenti diventino occasione di crescita umana e culturale».

LA VITA DELLE SCIENZIATE RACCONTATE IN UNA PIECE TEATRALE DA LORO STESSE

La grande novità di quest’anno è però rappresentata da una straordinaria collaborazione della rassegna con il JRC, il Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea di Ispra, da cui è nato un esperimento teatrale unico dal titolo “Feeling Science” dove un gruppo di scienziate del centro ha deciso di mettersi in gioco recitando se stesse.

«L’esperimento nasce dalla volontà di due scienziate Sandra Coecke e Naouma Kourti, nell’ambito del progetto SciArt (Scienza e Arte) di cui il responsabile è Adriaan Eeckels – spiega ancora la direttrice artistica – Vuole veicolare il linguaggio scientifico al vasto pubblico e, nello stesso tempo, permettere allo scienziato “iper-specializzato” di acquisire nuove conoscenze. In Feeling Science, si affronta la complessità del rapporto tra arte e scienza, si comincia a costruire un linguaggio del futuro che non è solo scientifico e letterario, ma è anche emotivo, teatrale, politico. In questo spettacolo innovativo, la comunicazione della scienza avviene attraverso il punto di vista delle donne, diventa un’esperienza che allarga gli orizzonti, apre al dialogo fra donne italiane ed europee».

L’appuntamento con questo straordinario “esperimento”  è per il 21 ottobre al teatro Santuccio, seconda data della rassegna.

SCUOLE E STUDENTI COINVOLTI, ANCHE I NUOVI CITTADINI

Anche quest’anno è prevista la convenzione PTCO con i Licei Manzoni di Varese che, nell’ambito dei progetti previsti per le scuole, si traduce nella collaborazione in presenza di un gruppo di studenti, coordinati dalla professoressa Claudia Caretti, ma a loro si sono aggiunti anche i ragazzi del Nai, il progetto per i Nuovi Arrivati in Italia a Varese: «E’ il nostro fiore all’occhiello, e ne sono orgogliosissima per la sua grande capacità di integrazione dei nuovi più giovani cittadini  – ha spiegato Rossella Dimaggio – La loro partecipazione è un segno importante»

IL PROGRAMMA

La rassegna prevede sei date a partire dal 5 ottobre, fino al 6 novembre.

Il primo appuntamento è mercoledì 5 ottobre in salone Estense, con “La canzone è donna” con Angela Nobile e al pianoforte salvatore Adorno.  Un percorso musicale attraverso le più belle canzoni ispirate da donne: da Mia Martini a Mina, Madonna, Battiato raccontate e interpretate da una delle voci “giovani” più intense e riconosciute nel panorama italiano.

Il secondo appuntamento è venerdì 21 ottobre alle 20.30 al teatro Santuccio con “Feeling Science” l’esperimento teatrale di cui abbiamo parlato sopra, che vede la drammaturgia di Angela Demattè e la regia di Andrea Chiodi e Simona Gonella, la consulenza scientifica di Adrian Eeckels e Caterina Benincasa e l’interpretazione di diverse scienziate del JRC nell’interpretazione di sè stesse.

Il terzo appuntamento è mercoledì 26 ottobre alle 20.30 in salone Estense con “Margherita Hack, una stella infinita” piece con Laura Curino, scritta e diretta da Ivana Ferri, omaggio alla grande scienziata e alla sua originalità simpatia e umanità, raccontata da una delle più importanti attrici del teatro italiano.

Il quarto appuntamento è domenica 30 ottobre alle 17 in Salone Estense, con “Carteggio d’amore tra Federico De Roberto e Anna Valle” con Mariano Rigillo e Cicci Rossini e musica dal vivo con il maestro Enrico Salvato e i testi di Enzo e Sarah Zappulla Muscarà, spettacolo sullo splendido carteeggio tra l’autore de “I Vicerè” e la raffinata nobildonna protagonista della vita culturale e mondana della Milano tra l’800 e il ‘900, interpretato da uno dei più grandi attori italiani e la sua compagna d’arte e di vita.

Il quinto appuntamento è venerdi 4 novembre ale 20.30 in Salone Estense con “Cleopatra, Cesare e Antonio” di e con Elena Ferrari sulla vita della più celebre e forte donna d’Oriente.

Il sesto e ultimo appuntamento è domenica 6 novembre alle 17 in Salone Estense con “Coprimi le spalle” presentazione del libro di Gabriella Nobile moderato dal giornalista Diego Pisati. Con lei ci sarà anche Kossi Komla-Ebri, medigo togolese naturalizzato italiano, uno dei primi scrittori di letteratura italiana della migrazione. A questo appuntamento, ad ingresso gratuito e con aperitivo finale, parteciperanno numerose scolaresche.

INFO E PRENOTAZIONI

La prevendita degli spettacoli è nella biglietteria dei tetari nel giorno dello spettacolo, dalle 9.30 alle 19.30 (Biglietto intero 13 € ridotto 10€, valido per under 26 e over 65). E’ però gradita la prenotazione agli spettacoli: per info e prenotazioni la mail è  paroladidonnavarese@gmail.com 

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Pubblicato il 29 Settembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.