Oscar e coclea, così il depuratore di Sant’Antonino sempre più efficiente

Due importanti interventi di efficientamento energetico realizzati al depuratore di Lonate Pozzolo: una nuova coclea da 11 tonnellate e il sistema di controllo da remoto “Oscar”

Ridurre al minimo i costi di gestione, ottimizzando il processo e migliorando la qualità dell’acqua depurata. Sono questi gli obiettivi raggiunti da Alfa con la messa in funzione di una nuova coclea e l’introduzione di un controllore di processo dal suggestivo nome di “Oscar” .

«Con l’installazione della coclea (in pratica una “vite di Archimede” NdR) non solo ci siamo adeguati ad una nuova normativa, che impone per l’impianto una capacità di sollevamento dei reflui in ingresso pari a 11.660 metri cubi ora, – spiega Lorenzo Rivolta, dell’Area Tecnica di Alfa – ma abbiamo anche diminuito notevolmente il consumo energetico. Ora disponiamo di due sistemi di sollevamento iniziale distinti e totalmente separati che ci consentono, in assenza di precipitazioni, di utilizzare uno o l’altro a seconda della convenienza energetica».

La coclea ha la funzione di sollevare i reflui fognari in arrivo sino alla prima sezione del depuratore. Ha una lunghezza di 13,5 metri, un peso di 11 tonnellate (per portarla all’impianto è stato necessario un trasporto eccezionale) ed è in grado di sollevare 7.150 metri cubi/ora. Gli interventi rientrano in una più ampia operazione di revamping del depuratore che ha già richiesto investimenti per circa 3 milioni di euro, 500mila per la sola coclea.

Oscar è invece un software che permette di dosare esattamente la quantità d’aria necessaria ai processi di denitrificazione e nitrificazione, passaggio fondamentale per la depurazione dei reflui fognari. I vantaggi? Costanza e qualità del processo depurativo, notevole riduzione dei costi energetici dell’impianto (del 20% circa) e minore usura delle apparecchiature, che richiederanno meno manutenzione e allungheranno il proprio “ciclo vitale”. «Il 20% di riduzione dei consumi energetici – dice ancora Rivolta – può sembrare poca cosa, ma su un depuratore come quello di Sant’ Antonino Ticino, che serve oltre 370.000 abitanti equivalenti ed è il più grande tra quelli gestiti da Alfa, si tratta di un risultato notevolissimo».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 20 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.