Chi sono, come mangiano e quali interessi hanno: uno studio fotografa gli adolescenti lombardi

Sono quasi 18.000 i ragazzi di 11, 12, 13 e 17 anni intervistati per il programma "Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare". Coinvolte molte scuole del Varesotto

Primo giorno di scuola liceo Ferraris Varese

È stato pubblicato lo studio HBSC (Health Behaviour in School-aged Children – Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare) che analizza lo stato di salute degli adolescenti di 11, 13, 15 e, dal 2022, anche di 17 anni al fine di offrire una fonte attendibile a cui attingere per formulare adeguate politiche di promozione della salute appunto in queste fasce di età. Si tratta di un’indagine che viene realizzata su scala nazionale con una cadenza quadriennale,  con la collaborazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in ben 51 nazioni. L’Italia ne fa parte dal 2002.

In particolare in Lombardia è stato preso in esame un campione costituito da un totale di 17.853 studenti di cui: il 23,98% di 11 anni, il 26,04% di 13 anni, il 23,93% di 15 anni e il 26,05% di 17 anni. Il 76,11% degli studenti interessati dall’indagine ha entrambi i genitori di nazionalità italiana.

In provincia di Varese hanno partecipato all’indagine le scuole medie dei comprensivi:

L. Da Vinci Azzate; Tommaseo Busto Arsizio; G.A.Bossi Busto Arsizio; Galilei-Parini Busto Arsizio; Toscanini Casorate Sempione; Orlandi Cassano Magnago; Da Vinci Castellanza; D.Alighieri Cocquio-Trevisago; E. Fermi – Fagnano Olona; G. Cardano Gallarate; Majno Gallarate; A.Volta Gorla Maggiore; A.Manzoni Gorla Minore; D. Alighieri Olgiate Olona; Saltrio Saltrio; Collegio Arcivescovile Le Castelli Saronno; Orsoline S.Carlo Saronno; Aldo Moro Solbiate Olona; Mons. Enrico Manfredini; Varese Pellico Varese.

E gli istituti superiori:

I.P.S.S.C.T. Valceresio Bisuschio; Liceo Crespi Busto Arsizio; Liceo Artistico Candiani Busto Arsizio; I.T.G. Isis Facchinetti Castellanza; Licei di Gallarate; Itis Ponti Gallarate; I.S.I.S. Stein- Gavirate; Isis J.M.Keynes Gazzada Schianno; Liceo Scientifico Sereni Luino; Liceo Classico Legnani Saronno; Liceo Scientifico G. B. Grassi Saronno; I.T.C. Gino Zappa Saronno; I.T.I.S. Isis Don Milani Tradate; I.I.S.L.Geymonat Tradate; ITET Varese Daverio-Casula-Nervi Varese ; Liceo Scientifico G. Ferraris Varese.

PREVALENTE IL MODELLO TRADIZIONALE DI FAMIGLIA

Rispetto alla struttura familiare si conferma la persistenza dell‘assetto tradizionale della famiglia, in cui entrambi i genitori vivono con i figli nella medesima abitazione. Oltre la metà del campione si posiziona su un livello socio-economico intermedio nella scala FAS (Family Affluence Scale, scala di agiatezza/ricchezza familiare). Quasi un quarto rientra nella fascia di basso potenziale d’acquisto, mentre il 22,44% in quella alta.

LE MADRI SONO PIÙ INFORMATE DELLA VITA DEI FIGLI

I dati raccolti indicano una differenza considerevole tra i livelli di monitoring paterno e materno. In base alle risposte date dagli studenti, sembra che sia prevalentemente la madre a essere al corrente di chi frequentano e di come passano il tempo i propri figli. Le aree su cui sono maggiormente al corrente sono le attività dopo la scuola (83,84% per la madre e 59,78% per il padre) e le uscite serali (72,31% per la madre e 58,62%per il padre). La parte meno monitorata da entrambi è “cosa fai nel tempo libero” (50,84% per la madre e 40,00% per il padre).
Età e genere influiscono significativamente sulla percezione del monitoring materno, tranne nel caso “Cosa fai nel tempo libero” in cui non ci sono differenze. In generale, crescendo, ragazzi e ragazze percepiscono di essere meno controllati dalla madre e le ragazze di essere più controllate rispetto ai compagni maschi.

ABITUDINI ALIMENTARI: L’80% DEI RAGAZZI È NORMOPESO

Per quanto concerne le abitudini alimentari e lo stato nutrizionale oltre il 60% del campione dichiara di fare la colazione ogni giorno, prima di andare a scuola ma il trend è n calo rispetto a 15 anni fa Circa il 10% in meno. Il 90,55% degli intervistati mangia in famiglia sempre o la maggior parte dei giorni.
Il 49,52% del campione consuma frutta quasi tutti i giorni, a fronte dell’11,52% che non la mangia mai o quasi mai. Metà del campione (50,69%) mangia verdura quasi tutti i giorni, circa il 47% mangia dolci quasi tutti i giorni della settimana o più.
Le ragazze consumano più dolci dei maschi. Il 79,66% del campione è normopeso, il 3,27% sottopeso, il 14,16% sovrappeso e il 2,91% obeso. In leggera crescita la percentuale dei sovrappeso  dal 12 al 14% e degli obesi con una variazione di mezzo punto percentuale. Oltre la metà del campione (59,57%) non soffre di insoddisfazione corporea. 

UNO STUDENTE SU DUE FA ATTIVITÀ FISICA REGOLARE, OGNI GIORNO GIOCA AI VIDEOGAMES

Dall’inchiesta emerge inoltre che l’attività fisica, a dispetto delle raccomandazioni dell’OMS, è praticata con intensità variabile tra moderata e vigorosa da meno dell’8% degli studenti. La maggior parte (53,26%) si distribuisce tra le 2 e le 4 volte a settimana. Rispetto allo stile di vita in Lombardia oltre un terzo degli studenti va e torna da scuola a piedi o in bicicletta, il 40% del campione gioca quotidianamente una/due ore ai videogiochi e il 35% circa del campione dedica una/due ore ai social.

QUASI IL 60% DEI RAGAZZI È SODDISFATTO DELLA SCUOLA

Passando poi ad analizzare l’ambiente scolastico dal punto di vista dei Dirigenti il quadro che emerge è positivo. Infatti, anche se il tema della ristrutturazione della scuola preoccupa quasi il 60% dei Dirigenti, le strutture a disposizione sono ritenute adeguate dalla maggior parte di loro. Dal punto di vista degli studenti oltre la metà del campione (58,84%) esprime un’opinione positiva della scuola. Piace soprattutto alle ragazze e agli 11enni. Un basso livello socio-economico è correlato a un minor gradimento della scuola. Il 73% degli studenti ritiene di essere accettato dai propri insegnanti per quello che è, mentre circa la metà ha fiducia in loro. L’84,96% degli studenti dichiara di non aver subito atti di bullismo, mentre l’86,90% afferma di non aver subito atti di cyberbullismo.

ALCOL E FUMO MOLTO RARI TRA I GIOVANISSIMI MA UN RAGAZZO SU TRE SCOMMETTE DENARO

Analizzando le varie tipologie di dipendenza si nota che l’89,20% dei ragazzi intervistati dichiara di non aver mai fumato negli ultimi 30 giorni né sigarette tradizionali, né sigarette elettroniche (90,19%), né sigarette a tabacco riscaldato (93,73%). Il consumo aumenta con l’età. Il 60% circa degli studenti non ha mai assunto alcol nella propria vita. Questa percentuale si riduce considerevolmente all’aumentare dell’età. La maggioranza degli studenti non ha mai usato cannabis nella vita (78,13%). Circa il 30% degli studenti intervistati ha scommesso o giocato denaro, almeno un giorno nella vita.

IL 74% DEL CAMPIONE HA CONTATTI SOCIAL ON LINE GIORNALIERI

Il sondaggio ha poi messo in evidenza che in merito alla salute percepita l’86% ritiene di avere una salute buona o eccellente. Poco meno del 2% la considera scadente. Rispetto ai social media e al gaming quasi tre quarti del campione (74%) ha contatti online giornalieri con gli amici stretti, il 43% con il gruppo di amicizie allargato, il 17% con persone conosciute solo tramite Internet. I contatti online aumentano all’aumentare dell’età. L’86% circa del campione accede ai social senza manifestare un uso problematico che riguarda invece il 14% circa degli intervistati. Il 36% del campione dichiara di non giocare “mai” o “quasi mai” ai videogiochi, il 30% “ogni giorno o quasi”.

LA FOTOGRAFIA DEI 17ENNI

Un capitolo a parte è rappresentato infine dai 17enni. Di seguito alcuni dei dati più significativi.

La famiglia tradizionale è la situazione più frequentemente vissuta dagli studenti lombardi (81,66%). Secondo il FAS oltre la metà del campione (57,02%) si posiziona nella fascia di medio potenziale d’acquisto, il 22,74% nella fascia di basso potenziale d’acquisto, il 20,24% in quella di alto potenziale d’acquisto.

L’88,91% mangia in famiglia sempre o la maggior parte dei giorni. Quasi metà del campione (48,86%) mangia frutta quasi tutti i giorni. Il 59,34% del campione è sereno nei confronti del proprio corpo e ritiene di essere della taglia giusta. Oltre la metà del campione (62,10%) pratica attività fisica vigorosa più volte a settimana.

Poco meno della metà dei diciassettenni intervistati (48,21%) ha un’opinione positiva della scuola. Quasi un terzo dei diciassettenni ritiene che i propri insegnanti siano interessati a loro come persone. La maggior parte degli studenti (oltre il 90%) non ha subito episodi di bullismo negli ultimi 2 mesi. La quasi totalità dei 17enni (93,92%) dichiara di non aver mai subito azioni di cyberbullismo.

La maggior parte dei diciassettenni intervistati ha dichiarato di non aver mai fumato negli ultimi 30 giorni né sigarette tradizionali (63,77%), né sigarette elettroniche (79,92%), né sigarette a tabacco riscaldato (79,72%). Il 36,05% dei diciassettenni intervistati dichiara di aver giocato d’azzardo almeno una volta nella vita.

Nel campione dei diciassettenni (a differenza di quanto rilevato nelle altre fasce di età) la percentuale di coloro che dichiarano un basso livello di benessere psicologico (58,07%) è superiore a chi lo percepisce buono (41,93%). Il 62,66% dei diciassettenni sessualmente attivi ha usato il profilattico durante l’ultimo rapporto sessuale. La maggior parte degli intervistati (circa l’85%) ha contatti online quotidiani con gli amici stretti, le ragazze più dei maschi. Da ultimo poco più della metà del campione (56,27%) dichiara di non giocare mai, quasi mai o meno di un giorno a settimana ai videogiochi.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 12 Aprile 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.