Dal Ticino al porto di Genova passando da Luino

Vertici delle ferrovie, sindacalisti e amministratori locali a convegno sulle sorti dei trasporti su rotaia

Una sala davvero gremita in occasione della tavola rotonda tra sindacati, ferrovieri e amministratori locali è stata quella di Palazzo Verbania, a Luino, dove nella serata di ieri, 19 novembre, ha avuto luogo l’incontro sull’"evoluzione del trasporto ferroviario nel Luinese e nel Varesotto".

Più di 150 persone hanno assistito fino all’ultimo agli interventi offerti dai tecnici delle ferrovie italiane sulle condizioni della linea che passa da Luino.

Sul piano delle opere in corso di realizzazione il direttore della Direzione Compartimentale Movimento FS di Milano Giacomo De Stefani ha definito l’esecuzione della bretella di Sesto Calende prioritaria almeno quanto la creazione del terzo binario tra Gallarate e Rho. "Circa i tempi per la realizzazione di queste opere – ha affermato De Stefani – è possibile solo compiere una stima di massima, indicando come date approssimative il 2003 per la bretella di Sesto e il 2004-2005 per il terzo binario".

Anche sul piano dei servizi e del numero di treni destinati ai passeggeri sono state annunciate alcune novità. Luciano Luccini, della Direzione Regionale FS ha difatti parlato della futura attivazione di 25 nuove "tracce" – ovvero convogli – su questa linea, così da poter prospettare un incremento dei treni anche per il trasporto dei passeggeri. Nel corso del dibattito è stato è stata annunciata l’apertura della biglietteria di Luino anche per i giorni festivi, fattore che ha provocato non pochi disagi tra i viaggiatori e da tempo segnalati dall’assessore ai trasporti del comune di Luino Giovanni Mele. Quest’ultimo di è detto soddisfatto della soluzione offerta dalle FS, che dovrebbe essere operativa già dal prossimo dicembre. Una serie di lavori, effettuati sulla tratta in questione nell’estate scorsa, poi, ha quasi risolto i ritardi e di poco anche i tempi di percorrenza, comunque ancora scandalosi per chi deve raggiungere Milano. Sul piano dei treni merci Luino si pone in un’ottima posizione come linea per il passaggio del trasporto intermodale, in crescita verso lo scalo aeroportuale di Malpensa e verso i terminali Hupac.
Alla serata era presente anche il senatore di Alleanza Nazionale Piero Pellicini che ha riportato una recente dichiarazione del Ministro alle infrastrutture Piero Lunardi, il quale ha definito "prioritaria" la linea Bellinzona-Luino-Milano-Genova come snodo viabilistico per il Paese.

Dall’incontro è emerso insomma un avvicinamento, e non solo ideale, da parte delle Ferrovie dello Stato alle problematiche del Luinese e dell’intera provincia di Varese. All’incontro, moderato da Antonio Del Prete, responsabile trasporto ferroviario e FIT CISL Lombardia, erano presenti diversi sindacalisti del comparto ferroviario, che hanno apprezzato lo sforzo delle parti sociali ad avvicinarsi sul tavolo delle trattative per aumentare migliorare i servizi ferroviari.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 novembre 2001
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.