“Case dolci case”, ultimi giorni per scoprire il gioco in cartone

Chiude il 7 novembre la mostra-gioco organizzata dal Fai a Villa Porta Bozzolo che ha per tema la casa. Nel mondo e nella storia

Sono gli ultimi giorni per vederla, ma vale la pena di approftittarne, fino al 7 novembre: a Villa della Porta Bozzolo di Casalzuigno il Fai continua la mostra happening  intitolata “Case dolci case”.
Il settecentesco giardino della villa ospita infatti 7 casette delle favole costruite in legno che riproducono le abitazioni di alcuni dei personaggi fantastici tanto amati dell’infanzia: la casa di Biancaneve e i sette Nani, quella di Hänsel e Gretel, quella dei Tre Porcellini e quella della Bella Addormentata nel Bosco, la fattoria degli animali, la casetta degli Gnomi del bosco e la capanna di Heidi.

Un villaggio davvero da favola, che nel tempo (la mostra è iniziata il 19 settembre) si è accresciuto con l’aggiunta delle casette  realizzate da tutti i bambini durante i laboratori domenicali. Un ampliamento reso possibile grazie al cartone raccolto dal Comune di Casalzuigno nell’ambito del paese e dell’intera Comunità Montana della Valcuvia e sostenuta dal consorzio COMIECO, per il riciclaggio del cartone.

Già perché lo scopo finale di questo villaggio da favola è duplice: fare una riflessione su come sono le case nella storia e nel mondo, ma anche insegnare il gioco ecologico, scatenando la fantasia su materiali riciclati Per questo la domenica, oltre alle varie attività di animazione, giochi, spettacoli e rappresentazioni che si terranno nella Filanda, ai bambini in visita verrà regalata una casetta in cartone da costruire e colorare per aiutarli a ricordare la giornata e a scoprire che qualsiasi scatola dei biscotti o imballo di detersivo possono diventare un bellissimo gioco… dando nuova vita ai rifiuti e salvando la vita a un gran numero di alberi.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.