Successo per gli itinerari al Castello di Masnago

Iniziative “allargate” a tutta la settimana di Carnevale

In seguito alle numerose richieste pervenute dalle scuole, l’iniziativa “Il dipinto curioso, itinerari e laboratori al Castello”, alla sede del museo d’arte moderna e contemporanea di Masnago, viene estesa a tutta la settimana di Carnevale, a partire da martedì 28 febbraio e fino a sabato 4 marzo (inizialmente era stata organizzata solo per il giovedì grasso). E’ necessaria la  prenotazione telefonica ai numeri 0332-255472; 255475; 820.409, affinchè le persone vengano inserite nei turni. Per la mattina, primo turno 9-10.30 e secondo 11- 12.30 Il pomeriggio sono disponibili tre turni: 14.00 15.30 ; 15.30 17.00 ; 17.00 18,30. Non ci saranno le visite venerdì pomeriggio (3 marzo)

L’appuntamento è quindi al Castello di Masnago, attraverso un itinerario, con laboratori e creazioni davanti alle opere esposte nelle sale. Saranno le giovani del Servizio Civile Volontario  a guidare i visitatori tra  quadri e sculture della raccolta d’arte e le sale riccamente affrescate, alla scoperta degli aspetti inediti. Spiega il direttore dei Musei Civici, Alberto Pedroli: «Abbiamo voluto proporre un percorso divertente, in grado di soddisfare spettatori di tutte le età senza forzare la natura del luogo. Con semplici accorgimenti renderemo piacevole e “accessibile” uno spazio che, spesso, intimorisce. Un’opera d’arte può riservare piacevoli sorprese,  essere motivo di scoperta e di stupore: speriamo di suscitare nei visitatori  queste emozioni»

Gli organizzatori hanno preparato itinerari in cui anche gli adulti potranno essere coinvolti attivamente nella visita animata e sperimentare le attività di laboratorio. «Sarà una simpatica occasione – spiegano gli organizzatori –  per ammirare insieme le opere e gli affreschi del castello e vivere emozioni in allegria. Sono tutti invitati, anche gli adulti. Anche per loro infatti assicuriamo il divertimento. E se poi, proprio non vogliono impegnarsi nelle attività di laboratorio, a fianco dei più giovani, c’è sempre la possibilità di completare il giro delle sale con i volontari del Vami (Volontari associati per i musei italiani)».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 febbraio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.