Sole nero in terra d’Egitto: mobilitato il Gat

Ben 80 i Tradatesi in partenza per la grande eclisse totale di Sole che mercoledì attraverserà il deserto africano. In Italia l’eclisse sarà invece parziale. consigli del GAT per osservare al meglio lo straordinario fenomeno

La natura ci regala una grande eclisse totale di Sole attraverso una stretta e lunga fascia che partendo dalle coste del Brasile, raggiunge l’Oceano Atlantico, il Nord Africa, il Mediterraneo orientale e la Turchia fino a perdersi nelle remote regioni dell’Asia Centrale. In Italia sarà possibile assistere ad una eclisse parziale tanto più profonda con più ci si sposta verso Sud. Nello stesso momento sulla costa nordafricana il cielo piomberà nell’oscurità, una incredibile e fantastica oscurità  in pieno mezzogiorno, con stelle e pianteti visibili attorno al Sole nero.

Galleria fotografica

L'eclisse di sole 4 di 6

Decine di migliaia di studiosi e di appassionati, provenienti da tutto il mondo, si troveranno nel Nord Africa per seguire tutte le fasi del fenomeno .

Tra  le varie spedizioni,  davvero notevole quella organizzata dal GAT di Tradate, in collaborazione con l’ Agenzia Personal Tour di Varese, con più di  80 partecipanti, un numero mai raggiunto nelle precedenti  altre sei spedizioni degli astronomi tradatesi in giro per il mondo all’ inseguimento del fascino incommensurabile del sole nero.   “La verità –sottolinea il dott. Guaita, presidente del GAT- è che questa eclisse rappresenta un’occasione assolutamente da non perdere! La prossima visibile come totale sulla costa settentrionale dell’Africa si verificherà nell’anno 2027, mentre in Italia, dopo quella ormai lontana del 15 febbraio 1961, dovremo attendere nientemeno che il 3 settembre 2081!” Ricordiamo che un’eclisse di Sole avviene quando  si ha un allineamento Sole-Luna-Terra. In questa situazione  molto rara il disco solare è completamente occultato dalla Luna per un osservatore situato nella cosiddetta fascia di centralità (o di totalità). Durante la fase di totalità lo spettacolo celeste è indescrivibile: attorno al nero disco lunare emergono infatti le rosse protuberanze della cromosfera del Sole e, soprattutto, la CORONA, la parte più calda e misteriosa della nostra stella.

Nel caso specifico di mercoledì 29 Marzo, il cono d’ombra della Luna, dopo aver attraversato prima l’Oceano Atlantico e poi il deserto libico, emergerà sulla costa del Mediterraneo presso il borgo egiziano di  As Sallum, ultima cittadina egiziana prima del confine libico: qui, si recheranno gli astronomi del GAT dove, a partire dalle 13,58 locali, si troveranno immersi per 3m 54s nella notte innaturale dell’ eclisse: saranno visibili in pieno giorno le stelle della costellazione dei Pesci dove  si trova proiettato il Sole ed i pianeti Mercurio e Venere.

Dal punto di vista scientifico lo scopo primario  della spedizione dei tradatesi è ancora una volta lo studio della corona solare. Precisa infatti il dott. Guaita: “Nella corona del Sole in totalità si disegnano magnificamente le linee di forza del campo magnetico generale del Sole. La cosa straordinaria è che l’asse di questo grande dipolo magnetico non è fisso nello spazio ma ruota in sincronia col ciclo un decennale del Sole. In parole povere  l’asse del dipolo si adagia sull’ equatore solare nei periodi di Sole attivo (era questa la situazione che  sperimentammo direttamente in Messico l’11 Luglio 1991 e in Zambia il 21 Giugno 2001), mentre si allinea con l’asse di rotazione del Sole quando, come in questo periodo,  l’attività della nostra stella scende al minimo.  Prevediamo quindi  di poter vedere attorno al Sole nero un concatenamento di linee di forza simili a quelle create dalla limatura di ferro attorno ad un magnete (una situazione  fantastica, che sperimentammo anche nell’ ormai  lontano 26 Febbraio 1998)”.

Se, però, in Egitto e in Libia potremo  ritrovare l’incredibile emozione del sole nero, non bisogna dimenticare che  l’eclisse del 29 Marzo sarà visibile come PARZIALE anche in Italia, con un grado di copertura media  del disco solare  che va dal 50% (a Nord) fino al 70% (a Sud).

La porzione di disco solare che rimarrà scoperta impedirà la visione di tutti gli  straordinari  fenomeni  ottici e fisici che abbiamo riassunto. Ciò non toglie  che, per gli orari in cui si verifica (a cavallo di mezzogiorno), il fenomeno rimane di  grande  bellezza ed enorme importanza didattica. In Lombardia la Luna intaccherà il Sole dal basso a destra alle 11,34 (ora legale), la fase massima (copertura del 50%) si avrà alle 12,37 e la fine dell ‘eclisse si avrà alle 13,40 

Come si vede la fase massima della parzialità capita più o meno in corrispondenza delle ultime due ore di scuola. A questo punto è ASSOLUTAMENTE OBBLIGATORIO che gli insegnanti e i presidi  di ogni tipo di scuola, dalle elementari alle ultime classi liceali, si organizzino perché TUTTI i loro alunni dedichino le due ultime ore di mercoledì 29 Marzo all’osservazione  di questo grandioso fenomeno naturale:  sarà un’ esperimento sul campo di immensa portata  didattica ed emotiva, che converrà preparare  in ogni dettaglio, seguendo  alcuni semplici ma importanti accorgimenti.

Innanzi tutto va ricordato che è  PROIBITO (pena gravi danni alla vista)  osservare il Sole eclissato ad occhio nudo o,  peggio, con un binocolo. Si possono invece utilizzare:

-degli appositi filtri che tutti i negozi di ottica possono fornire (ideali sono le pellicole di Mylar per osservazioni solari, reperibili nei negozi di ottica; in mancanza d’altro va bene anche  il vecchio vetro affumicato od una pellicola bianca-nera sviluppata)

-Occhialini per eclisse, ritrovabili in tutti i negozi di ottica

-Binocoli con i due obiettivi preventivamente BEN protetti con filtri di Mylar:  è questo il modo migliore per seguire il fenomeno.

-Telescopi piccoli e grandi forniti di appositi filtri di Vetro (i migliori) o di Mylar da mettere  NON  sull’oculare (il calore del Sole potrebbe rompere l’oculare mentre si osserva con conseguenze facilmente immaginabili) bensì DAVANTI all’obiettivo.

-Se si non si dispone di filtri ma si possiede un  piccolo rifrattore (un normale cannocchiale anche di quelli da supermercato…) è possibile utilizzare il sistema della proiezione, puntando il Sole eclissato e raccogliendo  l’immagine  con uno schermo  bianco posto dietro l’ oculare (su di esso l’immagine dovrà essere messa a fuoco  con il fuocheggiatore del rifrattore).  L’osservazione diviene in questo caso possibile da parte di molte persone contemporaneamente (per esempio un’intera classe scolastica), ed è facile fare buone riprese già con una  macchinetta digitale. 

Per  quanto riguarda, più specificamente, le riprese fotografiche dell’eclisse  è consigliabile  avere un teleobiettivo di almeno 300-500 mm.

Si  possono utilizzare pellicole di 100-200 ASA su una macchina REFLEX tradizionale (oppure impostare sensibilità analoghe su una REFLEX digitale, per i fortunati che già ne posseggono una) con tempi di posa di 1/30-1/60 3sec.

Ampie informazioni anche sul sito del GAT di Tradate a questo indirizzo

http://gwtradate.tread.it/tradate/gat

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 marzo 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

L'eclisse di sole 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.