Cresce la sostenibilità del Parco del Ticino

Trentadue Enti consorziati al Parco del Ticino su cinquanta hanno attivato un processo di Agenda 21

Trentadue Enti consorziati al Parco del Ticino su cinquanta hanno attivato un processo di Agenda 21 per promuovere a livello locale un percorso partecipato verso la sostenibilità.  Rispetto al 2004 si aggiungono alla lista altri 3 Comuni che sono Boffalora sul Ticino, Robecco sul Naviglio e Garlasco.

“Un risultato in crescendo – ha sottolineato il Consigliere di Amministrazione Alessandro Bertoja – che segna l’inizio di una nuova stagione di intervento, meno sperimentale e più organizzata, che riconosce all’Ente Parco la capacità di far convergere a sé le iniziative per poi “metterle in rete” senza limiti settoriali e confini istituzionali”.

Sono stati presentati oggi presso il Centro Parco “La Fagiana” a Pontevecchio di Magenta nel corso del seminario “Laboratorio di idee per la sostenibilità”, i risultati del secondo monitoraggio sullo stato di avanzamento delle iniziative di Agenda 21 nel territorio del Parco del Ticino relativo agli anni 2005-2006.

 Hanno partecipato al workshop il Consigliere di Amministrazione del Parco del Ticino, Alessandro Bertoja, e i rappresentanti dei Comuni di Abbiategrasso, Samarate e Pavia che hanno illustrato casi esemplari di sostenibilità presenti sul territorio.

L’incontro ha valutato la situazione, la diffusione e l’applicazione dei metodi ed iniziative di Agenda 21 sul territorio del Parco. Le sinergie esistenti o potenziali e le buone pratiche già attive sono state indagate e discusse per attivare nuovi stimoli e possibili collaborazioni sul tema della sostenibilità.

 

IL MONITORAGGIO ED I RISULTATI

Il secondo monitoraggio delle iniziative di Agenda 21 è iniziato nel novembre 2005 e si è concluso in febbraio 2006. I dati raccolti sono stati successivamente aggiornati in data dicembre 2006.

L’indagine è avvenuta tramite questionario composto da 11 domande chiuse e 3 a risposta aperta che è stato inviato ai 47 Comuni e alle 3 Province. Rispetto al monitoraggio 2004 sono stati inseriti due nuovi temi che sono gli Acquisti Verdi e la Certificazione Ambientale.

Gli Enti consorziati che alla data del monitoraggio hanno attivato un processo di Agenda 21 come singoli soggetti o associazioni aggregate sono 32 su 50.  Si evidenzia una maggiore presenza di adesioni nelle Province di Milano (15 enti su 18) e di Varese (13 enti su 14) mentre in Provincia di Pavia solo 4 Enti su 18 totali hanno in corso un processo di Agenda 21.

Dei 32 Enti che hanno attivato il processo, sono 21 quelli che hanno un Agenda 21 Locale effettivamente operativa e che con mezzi finanziari ed operativi adeguati possono sviluppare azioni concrete.

Dall’analisi emerge che le riunioni pubbliche e il contatto con i portatori di interesse sono le attività di sensibilizzazione utilizzate per coinvolgere la comunità nella gestione dell’ambiente locale.

Tra gli strumenti di sostenibilità analizzati la Relazione sullo Stato dell’Ambiente (20 enti), i monitoraggi ambientali (21 enti), i Forum locali (7 enti), l’attivazione del percorso di Certificazione Ambientale (4 enti) e gli Appalti Verdi per l’utilizzo di criteri ecologici nella scelta dei capitolati delle forniture pubbliche (5 enti)).

 

 

LE BUONE PRATICHE

La seconda parte del convegno è stata invece interamente dedicata alla presentazione di casi esemplari di sostenibilità già attivi sul territorio che possono essere di stimolo al confronto, all’ imitazione e all’avvio di collaborazioni.

Ad aprire il dibattito il Comune di Abbiategrasso che ha illustrato come le due iniziative avviate dall’Ente, Certificazione Emas e Agenda 21 Locale, rappresentino strumenti sinergici e spesso correlati lungo il percorso verso la sostenibilità.

A seguire il Comune di Samarate ha presentato le azioni attivate nel campo degli Acquisti Verdi tra le quali l’utilizzo di stoviglie in ceramica e non usa e getta, la scelta di distributori automatici di prodotti equo solidali, la limitazione nell’uso della carta e il rinnovo del parco veicoli con mezzi a emissioni ridotte.

A concludere il Comune di Pavia con il progetto “Andar per Via” sviluppato con l’Associazione ComunicAmbiente. L’iniziativa consiste nell’accrescere il numero di studenti che vanno a scuola e ritornano a casa autonomamente a piedi in bicicletta, riducendo così il traffico automobilistico intorno alla scuola. Per raggiungere lo scopo il processo prevede la formazione degli insegnanti, lezioni in classe sul tema del rischio sulla strada, sopralluogo delle vie e la definizione di tre percorsi sicuri strada-scuola.

 

IL RUOLO DEL PARCO

I processi di Agenda 21 Locale attivi sul territorio hanno evidenziato che esiste una reale capacità di cambiare gli stili di vita, di produzione e di gestione delle risorse naturali.

“Il Parco, da sempre volano dei processi di cambiamento culturale, – ha dichiarato il Consigliere Bertoja – si propone come interlocutore privilegiato e riconosciuto  a cui fare riferimento come punto di raccolta e successiva condivisione delle iniziative di sostenibilità presenti sul territorio. In questo modo il Consorzio contribuisce a diffondere le buone pratiche ed i modelli di azioni applicati da Nord a Sud del Parco, facilitando il contatto ed il confronto tra i responsabili di Agenda 21 Locale e favorendo la nascita di proficue collaborazioni”.

Tra le attività sviluppate dal Parco la fornitura di dati ambientali, la partecipazione ai tavoli di Agende 21 Locali, la redazione del Bilancio Sociale dell’Ente, l’orientamento alla Certificazione Ambientale delle imprese, l’avvio del processo di Certificazione Integrata Ambiente e Qualità dell’Ente, la promozione di Acquisti Verdi e il sostegno ai progetti di mobilità sostenibile.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.