Sorpresa, all’esame delle medie una prova in più

Una circolare del ministero diffusa tre giorni fa comunica che sarà obbligatorio lo scritto per la seconda lingua straniera. Farà "media" come le altre materie

Sorpresa: quest’anno l’esame di terza media avrà una prova scritta in più. La notizia è di quelle che non farà felice nessuno: né gli insegnanti, che hanno appreso della novità da una circolare solo tre giorni fa, né tanto meno gli studenti (e relativi genitori). Ma tant’è.
Fino ad ora le prove obbligatorie erano quattro: italiano, inglese, matematica, più il test Invalsi uguale per tutte le scuole. Novità di quest’anno: lo scritto per la seconda lingua straniera, francese, spagnolo o tedesco a seconda dei casi.
La novità è annunciata nella circolare che il ministero dell’Istruzione ha appena inviato a tutti i dirigenti scolastici per spiegare nel dettaglio le modalità dell’esame.
La seconda lingua straniera è stata introdotta nelle scuole medie nel 2004, ma fino ad ora era stato permesso ai singoli consigli dei docenti decidere cosa fare al momento dell’esame: potevano fare domande orali nel corso dei colloqui, fare un’unica prova scritta con un unico voto, oppure due scritti separati. Adesso non ci sarà più alcuna scelta e la seconda prova scritta diventerà obbligatoria per tutti. «Poiché l’insegnamento della seconda lingua è giunto ormai a sistema in modo generalizzato e consolidato – si legge nella circolare – la fase transitoria è da ritenersi superata». Per gli scritti, il ministero «ravvede l’opportunità che il collegio dei docenti preveda anche per la seconda lingua straniera un’autonoma valutazione all’interno dell’esame al fine di garantire, come nelle intenzioni originarie del legislatore, pari dignità ai due insegnamenti». Due prove separate, due voti diversi che faranno media nel giudizio finale. Le scuole potranno solo decidere quando fare la prova scritta: saranno le commissioni a stabilire se mettere le due prove di lingua straniera nello stesso giorno, una dopo l’altra, oppure se farle svolgere in due giorni diversi. In ogni caso, ripete la circolare, i due scritti si devono «svolgere separatamente ed essere oggetto di autonoma valutazione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 maggio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.