Il Pd di Busto mette l’arte in Circolo

Dal 2 marzo al 13 aprile due cicli di incontri con l'arte nella sede di via Repubblica. L'iniziativa rientra tra quelle decise a livello nazionale per sostenere il ritorno di Storia dell'Arte tra le materie scolastiche negli istituti tecnici

Il 2 marzo al via l’iniziativa nazionale organizzata dal Pd per l’avvio di una controriforma. Il circolo bustocco del Pd aderisce all’iniziativa con 5 incontri per sollecitare il territorio sul tema della cultura come cibo per la mente e per fermare il declino. Questa volta a pagarne le conseguenze è l’insegnamento della Storia dell’Arte. A causa della riforma Gelmini, infatti, l’arte non accarezza più il percorso di studi di oltre metà degli studenti italiani, ovvero quelli iscritti a Istituti Professionali e Tecnici. Sembra surreale in un Paese come il nostro che conta 3.400 musei, oltre 2.100 aree e parchi archeologici,43 siti tutelati dall’Unesco, con un indice di ritorno economico 16 volte inferiore a quello degli Stati Uniti, 4 volte a quello francese, 7 volte a quello inglese. La Storia dell’Arte con un patrimonio come quello del nostro Paese non riguarderebbe quindi solo un arricchimento culturale ma anche potenzialmente economico. Ancora una volta la Cultura è stata considerata come una semplice voce di spesa e non come un investimento

Iscritti, elettori e sostenitori del Partito Democratico e da cittadini italiani hanno deciso di ospitare l’arte nei Circoli fino al ripristino dell’insegnamento della Storia dell’Arte nelle Scuole italiane. L’idea, nata dall’iniziativa di un giovane blogger del Partito Democratico Antonio Sicilia, ha già raccolto l’adesione di molti circoli in tutti Italia e il Circolo PD di Busto Arsizio parteciperà per contribuire a dare risalto a questo evento: «con l`obiettivo di contrastare le conseguenze di una Riforma assurda che considera la formazione culturale una spesa e non un investimento». Anche i circoli Pd all’estero ospiteranno lezioni o eventi culturali che permetteranno di rendere più comprensibile e apprezzabile il nostro patrimonio artistico.
«Il PD vuole il cambiamento, e noi vogliamo far parte del cambiamento e cominciamo da uno dei temi più caldi, la scuola, la formazione, la cultura, la rivalutazione del patrimonio artistico del paese e la necessità di mettere in sintonia la scuola con questa eredità antica, convinti che con essa non solo si possa nutrire lo spirito, ma anche il corpo: l’economia nazionale» – scrive in una nota il segretario cittadino Salvatore Vita.

Di seguito il programma degli appuntamenti e temi di discussione con l’invito alla Città perché partecipi.

2 Marzo 2014 -14.30 17.30
Giotto e la nascita della Pittura Italiana
30 Marzo 2014 – 14.30 19.00
Michelangelo Merisi da Caravaggio
A seguire laboratorio di pittura creativa
13 Aprile 2014 – 14.30 19.00
Da “Il Quarto Stato” a “I Funerali di Togliatti”:
il pittore testimone del suo tempo
A seguire laboratorio di pittura creativa

28 Marzo 2014 21.00 22.30
Studenti e Docenti: i punti di vista alternativi
11 Aprile 2014 21.00 22.30
Non solo uno slogan ma una proposta concreta
La Scuola e le Istituzioni

Tutti gli incontri si terranno a Busto Arsizio Viale Repubblica 67 presso la sede del Circolo del Partito Democratico negli orari indicati. Per il laboratorio si consiglia abbigliamento “comodo e sportivo”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore