Incidenti, record di vittime in un solo week end

Giordano Biserni, presidente di Asaps, lancia l'allarme: «L'educazione stradale non basta, servono anche leggi e controlli»

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di Giordano Biserni, Presidente di Asaps (Associazione amici della polizia stradale)

Può sembrare perfino riduttivo parlare di week-end di sangue sulle strade. Il terzo fine settimana di maggio costituisce una vera tragedia per la società. 

Sulla base dei soli rilievi della Polizia Stradale e dei Carabinieri ai quali si dovranno poi aggiungere anche i dati dei rilievi delle Polizie Locali (qualcuno ci dovrà pur spiegare prima o poi come mai non si riesca ad avere in tempo reale, come in tutti gli altri paesi europei, i dati completi di tutte le forze di polizia operative sulle strade), il terzo fine settimana di maggio ha fatto segnare ben 3 “record” in un colpo solo.

Maggior numero complessivo di vittime fra i fine settimana del 2007, ben 53 (il precedente primato era di 44 vittime nel fine settimana del 6-9 aprile 2007), maggior numero di vittime fra i giovani sotto i 30 anni, 30 in totale pari al 56,6% (il precedente primato con 22 vittime risaliva al fine settimana del 2-4 aprile 2007), la triste media dei giovani vittime della strada è del 41%.

Tragico record anche fra le vittime delle due ruote. Su 43 incidenti mortali ben 29, pari al  67,4% hanno coinvolto motocicli e ciclomotori una vera mattanza, rispetto alla già alta media del 34% che ha coinvolto questa rischiosa categoria da inizio anno. Infatti la settimana segna il record di vittime e non di incidenti, forse proprio per il coinvolgimento di tantissimi dueruotisti.

Di fronte a questa sequela di primati, uno più tragico dell’altro, ci domandiamo se i vertici delle istituzioni non ritengano di adottare finalmente seri provvedimenti capaci di invertire questa allarmante situazione.

Le leve attivabili rimangono sempre le solite, educazione stradale e formazione, ma in questo caso si tratta di un investimento per il futuro non proprio prossimo, l’altra leva attivabile da subito è quella delle leggi  e dei controlli.

Non abbiamo notizie confortanti sull’iter del DDL di modifica del CdS, altre leggi a caratura più politica, sembrano avere la precedenza. In merito ai controlli, la situazione è, a dir poco, di chiara insufficienza.

Al di là di un  opportuno e mai realizzato coordinamento delle forze di polizia, serve un ripianamento dell’organico della Polizia Stradale, sempre inseguito, promesso e mai realizzato.

E’ forte l’esigenza di un’unica cabina di regia capace di monitorare il fenomeno infortunistico, di capire come e perché si contano tanti incidenti e tanti plurimortali. Con quali modalità avvengono. Negli stati che stanno decisamente migliorando la loro situazione degli incidenti (Francia in testa), tutto questo è stato fatto.

Ci si rende conto a Roma che una condizione del genere non può continuare? Ci si rende conto dei costi  per la società per i 53  morti e per la scomparsa di 30 produttivi giovani sotto i 30 anni, e quelli esorbitanti della sanità e dello stato sociale per 1.000 feriti?

 

                                                                                                    

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Maggio 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.