Guardia giurata picchiata e derubata

Il fatto è avenuto la notte tra il 27 e il 28 novembre nei pressi di un negozio di Brenno Useria. Rubata la radio e la pistola

Una guardia giurata è stata aggredita e colpita al volto da due sconosciuti col volto coperto che gli hanno anche rubato la pistola e la ricetrasmittente. Il fatto è avvenuto la notte tra martedì 27 novembre e mercoledì 28 attorno all’una di notte nei pressi di un negozio di Brenno Useria dove la guardia stava effettuando il suo ordinario giro di controlli agli esercizi commerciali. Improvvisamente due uomini l’hanno aggredito picchiandolo al volto ma senza procurargli, fortunatamente, ferite gravi. Dopo averlo derubato, poi, i due si sarebbero allontanati a bordo di un’auto. Una volta ripresosi l’uomo ha immediatamente avvisato i Carabinieri per denunciare anche il furto dell’arma. L’auto è stata ritrovata dai carabinieri qualche ora più tardi ed è risultata rubata. Rimane l’inquietudine per questo episodio anomalo e gli uomini dell’Arma stanno ora cercando di capire se l’aggressione era stata premeditata per rubare la pistola o se la coppia di malviventi stava tentando un furto.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.