“Ti lascio”: e il marito la uccide

Tragedia in famiglia dopo una violenta lite. La coltellata mortale mentre i carabinieri, avvisati da lei, stavano per entrare nell'abitazione della coppia

Delitto in famiglia a Garbagnate Milanese. Un uomo di 34 anni, Amerigo Maira, descritto come nullafacente e pregiudicato, ha ucciso la moglie Barbara Belotti di 32 anni pugnalandola al cuore dopo una violenta lite sfociata nella richiesta d’aiuto della donna ai carabinieri. I due avevano tre figli piccoli, ciononostante la loro abitazione al civico 60 di via Kennedy era teatro di litigi frequenti ed aspri. Fortunatamente al momento del delitto i piccoli non erano in casa.

Alle 15 di oggi, venerdì 11 gennaio, il dramma finale. La donna dichiara di voler chiedere la separazione dal marito, che reagisce con ancora più violenza del solito, costringendola a chiamare i carabinieri. Proprio mentre i carabinieri erano ormai sulla soglia l’uomo ha sferrato il colpo mortale al petto della ormai ex compagna, usando un coltello da cucina. Barbara è morta sul colpo, l’uomo è stato arrestato in flagranza dai carabinieri. Per lui l’accusa è omicidio volontario.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.